menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Ansa

Foto Ansa

Lazio-Toro, è ufficiale: Lega Serie A non rinvia, la Lazio si presenta. Cosa succederà adesso

L'Asl di Torino vieta la trasferta. Il presidente FIGC: "C'è impossibilità oggettiva, non come Juve-Napoli"

Aggiornamento ore 18:10: niente rinvio, la Lazio annuncia la formazione

Nessun rinvio, la Lega Serie A ha deciso che Lazio-Torino si deve giocare stasera. Ma il Toro è fermo a Torino, quindi proprio come successo per Juve-Napoli la squadra di casa si presenterà in campo senza avversari.

Proprio come aveva fatto la Juve, anche la Lazio ha stilato la distinta e comunicato la formazione sui propri canali social

Lazio-Toro: che cosa succede adesso?

Ora, come da regolamento, i bianconcelesti si presenteranno in campo. L'arbitro Marco Piccinini attesterà la mancanza dei giocatori del Toro, dopodiché dovrà aspettare 45' prima di assegnare provvisoriamente la vittoria a tavolino alla Lazio.

Naturalmente il Toro presenterà ricorso, ed è praticamente certo che verrà accolto, se non dal Giudice Sportivo, almeno dalla Corte d'appello FIGC o dal Collegio di Garanzia del Coni, lo stesso organo che aveva annullato le precedenti sentenze di 3-0 a tavolino per la Juve e un punto di penalizzazione al Napoli.

Al 99% quindi Lazio-Toro sarà recuperata, al pari di Toro-Sassuolo, già in programma il 17 marzo. 

Lazio-Torino, la situazione di stamattina

Lazio-Torino si gioca oppure no? Il rischio è di creare un nuovo pasticcio come quello successo per Juve-Napoli. Le condizioni sono analoghe, anzi peggiori: il Toro ha 8 giocatori positivi al coronavirus, solo ieri ha ripreso ad allenarsi, ma solo per la parte atletica, e il direttore dell'Asl di Torino, Carlo Picco, ha dichiarato ieri all'Ansa che "il dipartimento di prevenzione continua il monitoraggio e conferma, alla luce dei numerosi casi di variante inglese, la quarantena, che scade domani a mezzanotte". "Riunire la squadra è impossibile" ha aggiunto Picco.

Trasferta vietata dall'Asl, dunque, ma almeno finora la Lega Serie A non ha emesso alcuna comunicazione ufficiale per rinviare il match, considerando che secondo le norme del protocollo FIGC il Toro dispone di un numero di giocatori sufficiente per presentarsi in campo.

Saranno decisive le prossime ore: al momento il Toro non ha comunicato nulla in merito alla trasferta romana, e in Lega calcio sanno che - in caso di 3-0 a tavolino assegnato alla Lazio - il ricorso del Toro finirebbe quasi sicuramente come quello del Napoli, e cioè con la decisione di recuperare la partita. 

Gravina, presidente FIGC: "C'è impossibilità oggettiva, non è come Juve-Napoli"

A Roma, dopo un'evento di solidarietà della Federcalcio all'ospedale Spallanzani, il presidente FIGC Gabriele Gravina si è espresso a favore del rinvio: "C'è un'oggettiva impossibilità di disputare la gara". Gravina ha poi sottolineato che "non c'entra la sentenza del Collegio di garanzia su Juve-Napoli. Sono situazioni differenti, questa della Asl non è una decisione dell’ultim'ora, è ormai di qualche giorno e anzi se non fosse rispettata, si rischierebbero anche delle sanzioni penali".

La Lega Serie A ancora non si è espressa ufficialmente sulla possibilità di rinviare la gara in programma alle 18.30 all'Olimpico di Roma. 

Esito negativo per l'ultimo giro di tamponi

L'ultimo giro di tamponi molecolari al resto del gruppo squadra a disposizione di Nicola, svoltosi in mattinata, ha dato esito negativo per tutti. Da domani quindi i giocatori non positivi potranno tornare ad allenarsi regolarmente, e di conseguenza giocare la prossima partita con il Crotone. 

Dalla Lega no al rinvio: Lazio-Torino resta in programma

Il consiglio straordinario della Lega, svoltosi oggi pomeriggio, si è espresso per il no al rinvio di Lazio-Toro, che quindi resta in programma alle 18.30. Ma il Toro, fermato dall'Asl, non ha affrontato la trasferta, quindi la Lazio si presenterà in campo senza avversari e in un primo momento avrà la vittoria per 3-0 a tavolino. Poi è praticamente certo che il ricorso granata sarà accolto, probabilmente ancor prima di giungere al collegio di garanzia del Coni. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento