Lotta allo smog: Ecodriving, guidare bene per risparmiare e per inquinare meno

Lo stile di guida corretto

immagine di repertorio

Lezioni teoriche e pratiche per imparare a guidare inquinando meno. Sono numerose le aziende, in Italia ed all'estero, sia pubbliche che private, che stanno sperimentando quanto lo stile di guida incida sull'inquinamento dell'aria. 
Adottare uno stile di guida corretto può avere quindi dei risvolti positivi per ridurre i livelli di pm10, contribuendo a migliorare la qualità dell'aria. Spesso, infatti, il dibattito su come ridurre l'inquinamento si concentra sui cambiamenti tecnologici. Auto elettriche, auto ibride, veicoli ad idrogeno, carburanti alternativi sono tra le soluzioni di cui più si parla. Ma modificare il proprio comportamento al volante ha sia un risparmio in termini di denaro che di contributo nella riduzione dell’inquinamento.

Ecodriver: lo stile di guida corretto per non inquinare

Un buon eco-driver:

  • effettua cambi di marcia corretti: incrementare correttamente la marcia consente al motore dell'auto di funzionare con la massima efficienza;
  • accelera in modo uniforme: accelerare delicatamente riduce il consumo di carburante, il rumore e le emissioni dannose;
  • decelera in modo efficiente: rilasciare il pedale dell'acceleratore con la marcia inserita evita il consumo carburante;
  • mantiene una velocità media costante: anticipare le variazioni di velocità e mantenere una velocità moderata e costante migliora l'efficienza dei consumi.

Questi comportamenti portano ad un grosso margine di miglioramento anche nel risparmio di carburante (fino al 10%, mantenendo sempre gli stessi margini di percorrenza). Risparmiando, grazie al proprio stile di guida, sul consumo di carburante, si ottiene un risparmio importante in termini di denaro, dando anche il proprio contributo alla diminuzione dei livelli di anidride carbonica.  

Uno studio recente, nel quale Fiat ha analizzato migliaia di spostamenti effettuati dai conducenti che adottano uno ‘stile Ecodriving’, quantifica il risparmio in 600 euro (-6% di consumo di carburante) e - 1.088kg di emissioni di anidride carbonica per ogni eco-driver di medio livello, considerando il ciclo medio di vita dell’auto. I migliori Ecodriver riescono a risparmiare fino a 1575 euro (-16% sul consumo di carburante). Anche le emissioni di CO2 vengono sensibilmente ridotte (-2895 kg).

Se in Europa tutti fossero Ecodriver si avrebbe un risparmio di carburante pari a cinque volte la produzione annuale della più grande piattaforma di petrolio del mondo (37 miliardi). Le emissioni di anidride carbonica si ridurrebbero di 90 milioni di tonnellate, pari all'equivalente delle emissioni annue del Portogallo. Si risparmierebbero, inoltre, 50 miliardi di euro, quanto gli investimenti nelle energie rinnovabili in Europa nel 2009.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insetti in casa: la scutigera, l'insetto (utilissimo) che mangia gli altri insetti

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • L'eclissi penombrale della Luna Fragola: questa sera il vero spettacolo è nel cielo

  • Tempesta sul Torinese: zone allagate, paesaggi imbiancati e numerosi disagi

  • Piemonte riaperto da mercoledì in entrata e uscita, stop all'obbligo di mascherine all'aperto

  • Tragedia nel palazzo: morto dopo essere caduto nel vano ascensore

Torna su
TorinoToday è in caricamento