Il genero si è costituito dopo l'omicidio del suocero: "Ostacolava il mio rapporto con sua figlia"

Si è detto pentito

Laurent Radici, la vittima: aveva 44 anni

Laurent Radici, il sinto italiano di 44 anni ucciso a colpi di pistola nel cortile davanti alla sua casa in strada Montalenghe a San Giorgio Canavese giovedì 10 gennaio 2019, è stato trucidato dal genero Giuseppe Laforé detto Alex, 25enne sinto italiano di Romano Canavese.

Il ragazzo, accompagnato dal suo avvocato Pierfranco Bertolino, si è costituito nella tarda serata di ieri, giovedì 17, nella caserma dei carabinieri Oltredora di Torino.

"L'ho ammazzato perché ostacolava la mia relazione con sua figlia, che avevo messo incinta", ha raccontato agli investigatori. Si è detto pentito. La relazione tra i due è terminata due mesi fa. Secondo Laforé il responsabile di questo sarebbe stato proprio Radici.

L'interrogatorio è durato quasi tre ore, davanti al procuratore capo di Ivrea, Giuseppe Ferrando, al sostituto Daniele Iavarone. Era presente anche la pm torinese Fabiola D'Errico.

laforé-giuseppe-alex-190118-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Auto si scontra col cinghiale che attraversa la strada, poi si ribalta nel fosso: terrore per due ragazzi

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Viaggia sull'auto modificata: multa di 640 euro, veicolo sospeso dalla circolazione

  • Tempo libero e svago, cosa fare a Torino e dintorni sabato 16 e domenica 17 novembre

Torna su
TorinoToday è in caricamento