Colombe e uova di cioccolato (e non solo) a domicilio, è la Pasqua ai tempi del Coronavirus

Ordinazioni e consegne

immagine di repertorio

Il prossimo 12 aprile sarà Pasqua. Anche in questo periodo di piena emergenza per il Coronavirus, si cerca di andare avanti per portare avanti le tradizioni e le feste, soprattutto per i bambini e le famiglie, anche in un momento così difficile. In questo periodo in cui il tempo sembra essersi fermato, ci sono delle realtà produttive che lavorano a pieno regime, anche con le serrande abbassate, per far respirare anche quest'anno il profumo delle colombe e delle uova di cioccolata.

Mentre i supermercati sono già pieni di colombe e di uova commerciali, le pasticcerie di Torino sono pronte per portare colombe e uova di cioccolato artigianali.

Colombe e uova di cioccolato: chi fa consegne a domicilio a Torino

Mentre c'è chi ha chiuso per l'emergenza Coronavirus, infatti, c'è chi grazie al delivery sta tenendo in piedi la propria azienda ed è pronto ad offrire ai cittadini un servizio piacevole, goloso e di qualità, unito alla raccomandazione di stare a casa. Si va dall'alta pasticceria di Iginio Massari, pronta per prendere ordinazioni online per le colombe, a la Perla di Torino è pronta alla consegna delle sue raffinate uova e colombe, proprio come Caffarel che non può proprio non offrire i gianduiotti, le sue uova e le sue colombe dopo quasi 200 anni di attività.

Anche Venchi, storico marchio torinese ormai diffuso in tutta Italia e non solo, sta continuando le vendite delle uova di Pasqua grazie al suo store online.

Questo è il modo in cui ci stiamo avvicinando alla Pasqua ai tempi del Coronavirus. Se volete inserire la vostra azienda e segnalare il servizio di consegna a domicilio attivo in questo periodo di emergenza Coronavirus

cliccate qui

Colombe e Uova di cioccolato a domicilio: l'elenco

Pasta fresca e secondi

Donazioni per Pasqua: la generosità delle industrie dolciarie piemontesi

Intanto, in vista della Pasqua, Ferrero ha donato 180 quintali di uova Kinder Gran Sorpresa ai volontari della Protezione civile e al personale sanitario e parasanitario coinvolto nell'emergenza Covid-19 negli ospedali di tutto il Piemonte.

Caffarel ha consegnato alla Protezione civile oltre 9.000 chili di uova di cioccolata e colombe da destinare al personale e agli anziani delle case di riposo di tutto il Piemonte.  

La Perla di Torino ha donato 100 Kg di cioccolato alla Croce Rossa.

Inoltre, ha coinvolto bar e pasticcerie invitandoli a destinare parte dei loro prodotti Caffarel alla Protezione Civile della propria Regione o a un’associazione benefica. Per ogni prodotto donato, Caffarel ne donerà il doppio agli Enti con cui sta collaborando.

L'azienda torinese Il Rovere S.p.A ha donato 1.500 cesti pasquali e 12 bancali di colombe a "tutti gli Eroi che stanno combattendo in prima linea all'Ospedale delle Molinette".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il conduttore torinese a Verissimo: "Un medico mi disse che era solo un'influenza"

  • Investito dalla sua auto dopo avere dimenticato di inserire il freno a mano: è grave

  • Cammina sulle auto parcheggiate, poi si lancia su una e le sfonda il parabrezza: arrestato

  • La denuncia: "Aggredito dal vigilante del supermercato perché mi sono abbassato la mascherina"

  • Offerte di lavoro del gruppo Iren: le posizioni aperte a Torino

  • Moto cade in tangenziale: centauro grave in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento