Murales choc, la replica di Salvini: “Quanto odio”

Su un muro in centro, è comparsa la sua immagine a testa in giù

Salvini a testa in giú in centro a Torino. Che squallore. Quanto odio. Noi rispondiamo con idee, cuore e coraggio, so che siamo in tantissimi, vero?”. Non si è fatta attende la replica su Facebook - con tanto di foto - del ministro dell’Interno riguardo il disegno su carta, applicato al muro, comparso in piazzale Valdo Fusi che lo ritrae appeso per i piedi, a testa in giù. Matteo Salvini, molto attivo sui social, è seguito sul suo profilo Facebook da oltre 3 milioni e 200mila persone e “piace” a più di 3 milioni e 100mila.

Il murales choc, dopo le immagini spuntate a luglio alle fermate dei bus e in via Po che raffiguravano Salvini con un cappio al collo, è stato segnalato domenica 9 settembre dal capogruppo della Lega in Comune, Fabrizio Ricca: “ Sono chiaramente delle bestie - ha dichiarato Ricca - Ma tutto questo non ci spaventa e queste dimostrazioni ci danno ancora più forza. Piena vicinanza e solidarietà a Matteo Salvini, al quale diciamo che deve stare tranquillo perché tanto l'Italia è con lui". 

E i sondaggi sembrerebbero confermarlo. Secondo i dati raccolti il 6 settembre da Swg e Lorien Consulting da YouTrend per Agi, la Lega è al 32,2 per cento, un livello quasi doppio rispetto alle elezioni del 4 marzo, mentre il Movimento Cinque Stelle è fermo al 28,3 per cento. Il Pd è stabile al 17% così come Forza Italia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Auto si scontra col cinghiale che attraversa la strada, poi si ribalta nel fosso: terrore per due ragazzi

  • Paura al campo di calcio: bambino di 8 anni si accascia al suolo mentre gioca la partita

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

Torna su
TorinoToday è in caricamento