Doveva scontare tre anni per la sparatoria nel bar, preso in una sala giochi

L'uomo aveva fatto perdere le sue tracce dopo la scadenza dei termini di custodia cautelare. E' stato identificato dalle impronte digitali

Il bar in cui era avvenuta la sparatoria

Un albanese di 34 anni, Sajmir Cereneci, è stato arrestato nella notte di oggi, mercoledì 19 aprile 2017, dai carabinieri a Dalmine, nel Bergamasco: su di lui pendeva un mandato di cattura per scontare una condanna a tre anni e quattro mesi relativa alla sparatoria del 10 agosto 2013 nel bar Ever Up di corso Francia 241/A in cui furono quasi uccisi due romeni, poi risultati componenti di una banda rivale a quella del commando che fece fuoco.

L'uomo aveva un documento falso e stava passando la notte in una sala giochi, in cui i militari dell'Arma lo hanno sorpreso. E' stato identificato grazie alle impronte digitali. Dopo il periodo di custodia cautelare in carcere, era uscito per decorrenza dei termini e da quel momento aveva fatto perdere le sue tracce. 

La mattina del 10 agosto 2013 con lui c'erano due connazionali: Florian Popa, che premette materialmente il grilletto, e Armand Teta. Tutti erano stati arrestati poco dopo l'episodio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Scontro frontale sul rettilineo: auto distrutte, morti entrambi i conducenti

  • L'ex miss Italia e madrina di Torino 2006 investita: necessario intervento al naso

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • In tribuna allo Stadium, occhiali rotti e ferita allo zigomo per una pallonata

Torna su
TorinoToday è in caricamento