rotate-mobile

Senzatetto in Piazza Statuto, l'esasperazione dei commercianti: "Ostaggio di gente fuori controllo"

"Questi non sono senza fissa dimora"

Non c'è pace in Piazza Statuto, il problema del degrado dovuto al comportamento di alcuni senza fissa dimora torna a fare discutere commercianti e residenti della zona. Il tema si ripropone, ma questa volta dall'altra parte della piazza. A fare scatenare la protesta di commercianti e residenti è stata l'ennesima rissa che c'è stata intorno alle 2.00 della mattina del 3 giugno. 

Ricordate i senza fissa dimora che furono allontanati dai portici di Piazza Statuto (fronte banca Unicredit) tramite il posizionamento di alcuni panettoni? Gli stessi si sono trasferiti dall'altro lato della piazza, a pochi metri dal McDonald's e da svariati altri negozi. Da un mese la convivenza tra questi sta diventando impossibile, denunciano i residenti. 

"Noi qua abbiamo i tavolini e così non si può andare avanti perché c'è puzza e la gente fa fatica a sedersi", racconta il titolare di una pizzeria. Il problema sarebbe che i senza fissa dimora urinerebbero sotto i portici e si addentrerebbero dentro i negozi o nei cortili dei palazzi. "C'è un casino e così non si può andare avanti. Stavano per entrare dentro un portone e provano a fare i bisogni lì". 

L'ultimo episodio, quello che ha fatto scoppiare la protesta, questa mattina - giovedì 3 giugno - quando i commercianti della zona hanno trovato i portici cosparsi di cocci di bottiglie rotte. "Loro di notte fan festa. Io ho le telecamere, una notte ne ho contati 15 e non immaginate cosa lasciano. Ci sono i senza tetto che vanno aiutati e poi ci sono gli ubriaconi che sono indomabili", spiega il titolare di un negozio che vende dolci. 

"Tutti i momenti dentro entrano il negozio di telefonia e la ragazza non sa come difendersi. Va in giro a chiedere aiuto. È una città all'abbandono questa qui", continua l'uomo, "Bisogna trovare una soluzione, non bisogna rimbalzarsi i problemi da una parte all'altra della piazza. C'è un problema, va risolto. Io faccio il cioccolataio, facessi l'amministratore qualcosa lo avrei fatto". 

Commercianti e residenti si sentono dunque ostaggio di soggetti che sembrano essere fuori controllo e che, a differenza di molti altri senzatetto che sono nella stessa piazza e in giro per la città, non si comportano in modo rispettoso degli altri. È per questo che chiedono un intervento del Comune di Torino. 

Intanto l'Associazione Commercianti di Piazza Statuto ha lanciato una raccolta firme e ha anche inviato una lettera al Prefetto di Torino per chiedere maggior controllo sulla zona. 

Sullo stesso argomento

Video popolari

Senzatetto in Piazza Statuto, l'esasperazione dei commercianti: "Ostaggio di gente fuori controllo"

TorinoToday è in caricamento