rotate-mobile
social

Osterie d'Italia 2022: a Torino due Chiocciole e la miglior carta dei vini

22 le attività ristorative piemontesi che hanno ottenuto la Chiocciola

Il Piemonte recita il ruolo del protagonista anche nella nuova edizione di Osterie d'Italia, la guida di Slow Food. La nostra Regione, che si conferma una realtà attenta all'enogastronomia e capace di generare flussi turistici in special modo tra i millennial, si piazza in terza posizione con 136 osterie, alle spalle di Campania (177) e Toscana (145).

"Alla riapertura dei ristoranti, siamo stati testimoni di una letterale presa d’assalto delle osterie - ha commentato uno dei due curatori della Guida, Eugenio Signoroni - che ha portato a un numero di download dell’App di Osterie d’Italia pari solo al numero di download che registriamo nel periodo natalizio. Non per ultimo, resta il fatto che le osterie siano (e siano anche riconosciute) come luoghi più accessibili, nel prezzo come nel servizio, nel modo di porsi, nella cucina. Come già dimostrano i numeri della Guida 2022, siamo convinti che quello dell’osteria sarà il modello ristorativo che meglio reggerà".

Il Consorzio, il locale caratterizzato dalla cucina divertente e dai vini naturali, in Via Montè di Pietà 23 a Torino, ha conquistato il Premio per la miglior carta dei vini.

Osterie d’Italia 2022: le migliori osterie in Piemonte

Il Piemonte si piazza al secondo posto anche tra le Regioni che quest'anno hanno ottenuto il maggior numero di riconoscimenti con 22 osterie nella Guida Osterie d'Italia 2022, a pari merito con la Toscana.

La Regione con più Osterie in guida è la Campania (23 osterie), mentre al terzo posto si sono posizionate la Puglia e l'Emilia Romagna (19).

Qui trovate l'elenco delle osterie del Piemonte che sono state premiate con la Chiocciola.

  • Antiche Sere - Torino;
  • Consorzio - Torino;
  • Violetta - Calamandrana (AT);
  • Il Moro - Capriata d´Orba (AL);
  • Cacciatori - Cartosio (AL);
  • Madonna della Neve - Cessole (AT);
  • Del Belbo da Bardon - San Marzano Oliveto (AT);
  • La Torre - Cherasco (CN);
  • Locanda dell’Arco - Cissone (CN);
  • La Speranza - Farigliano (CN);
  • Lou Pitavin - Marmora (CN);
  • Repubblica di Perno - Monforte d´Alba (CN);
  • Cantina dei Cacciatori - Monteu Roero (CN);
  • Osteria dell’Arco - Alba (CN);
  • Battaglino -  Bra (CN);
  • Boccondivino -  Bra (CN);
  • Corona di Ferro - Saluzzo (CN);
  • Osteria della Pace - Sambuco (CN);
  • La Coccinella - Serravalle Langhe (CN);
  • Locanda del Falco - Valdieri (CN)
  • Paolino - Vercelli
  • Impero - Sizzano (NO).

La guida Osterie d'Italia 2022 è disponibile in tutte le librerie e sul sito di Slow Food Editore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Osterie d'Italia 2022: a Torino due Chiocciole e la miglior carta dei vini

TorinoToday è in caricamento