Rendimento scolastico, voti migliori per gli adolescenti meno sedentari

Lo dimostra uno studio finlandese

immagine di repertorio

Da un campione di 635 adolescenti di età compresa tra gi 11 ed i 13 anni è arrivata la conferma. I ragazzi che svolgono attività fisica regolarmente solitamente ottengono voti migliori a scuola ed hanno un migliore profitto scolastico durante il passaggio dalla scuola primaria a quella secondaria rispetto ai loro coetanei che non svolgono attività fisica ed hanno uno stile di vita più secondario.

E' il risultato dello studio condotto dall'University of Jyväskylä, in Finlandia, che ha valutato le attività sportive praticate dai partecipanti tramite un questionario e le ha comparate con i voti scolastici.

Chi fa sport da più tempo ha i voti migliori. Anche chi ha cominciato a fare sport successivamente non riesce ad ottenere gli stessi risultati.

Sport e studio: senza fatica, nessun risultato

Anche se lo sport praticato in modo costante e sin da un'età precoce possono rappresentano una marcia in più, nessuno può raggiungere risultati senza impegno. Cosa che ogni studente, chi prima, chi poi, deve assolutamente ricordare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Iscrizioni alle superiori, nuovi indirizzi di studio nelle scuole torinesi

  • Come si diventa tecnico radiologo

  • Patente per la guida dei muletti: nuovo corso gratuito in partenza

  • Dove imparare (davvero) a cantare: i corsi e le lezioni di canto sotto la Mole

  • Orti Generali, a Mirafiori Sud tornano i corsi per la cura dell'orto e delle piante

  • Come si diventa istruttore di nuoto

Torna su
TorinoToday è in caricamento