La cultura riparte: riapre al pubblico Camera, Centro Italiano per la Fotografia

Gli altri musei attendono il 2 giugno

L'allestimento in base alle misure di sicurezza

Mentre i musei stanno lavorando per la riapertura ufficiale del 2 giugno, oggi - lunedì 18 maggio -, proprio nella Giornata Internazionale dei Musei, a tornare alla normalità è Camera, il Centro Italiano per la Fotografia di via delle Rosine. Le sale riaprono al pubblico che potrà visitare fino al 14 giugno la mostra "Biomega Multiverso" in Project Room e, fino al 30 agosto, "Memoria e Passione. Da Capa a Ghirri". La grande mostra su Paolo Ventura, inizialmente in programma a fine maggio, aprirà invece il prossimo autunno.

Si ritorna quindi lentamente alla normalità ma con nuove modalità di prenotazione online, nuove audio visite e ovviamente, nuove misure di sicurezza. In attesa intanto di far ripartire tutta la programmazione di incontri e attività, in questa fase prosegue lo spazio virtuale di racconto e condivisione di #CAMERAonair attraverso video, immagini, storie, curiosità pubblicate sui canali social Instagram, Facebook e Vimeo.

"Torniamo alla cultura dal vivo – spiega il presidente Emanuele Chieli – Abbiamo passato settimane difficili e complicati saranno i mesi a venire, non possiamo negarlo. Ma dobbiamo ritornare alla normalità e ritornare a guardare avanti, con grande prudenza ma altrettanta determinazione e fiducia".

Le nuove modalità 

A partire dal 25 maggio, sarà possibile prenotare gratuitamente – da remoto o di persona – il proprio turno d’ingresso in mostra, così da evitare o ridurre i tempi di attesa e assicurare ingressi meglio distribuiti nel corso delle giornate, attuando le prescrizioni sul distanziamento fisico e migliorando l’esperienza di visita. Il sistema, in costante potenziamento, è reso possibile grazie all’app di gestione della fila virtuale UFIRST (https://ufirst.business/utenti/scarica-app/), facilmente scaricabile da App Store e Google Play.

Le audio visite

Per continuare ad accompagnare il visitatore anche in tempi di distanziamento fisico, Camera ha pensato e realizzato un sistema di audio visite per offrire una nuova versione della classica visita guidata: grazie ad un semplice QRcode, ciascuno potrà scegliere di ascoltare l’introduzione del direttore e i contenuti audio per singola sala costruendo, così, una fruizione personale e modulare della mostra. Sarà sufficiente inquadrare con la propria fotocamera del cellulare il QRcode per ascoltare i file audio.
Il servizio, offerto in collaborazione con Arteco, sarà gratuito.

Sicurezza e orari 

Le mostre di Camera potranno essere fruite con percorsi monodirezionali di ingresso/uscita chiaramente segnalati. Nello spazio, pannelli informativi daranno le indicazioni per mantenere le distanze di sicurezza e le giuste precauzioni. All’interno del centro espositivo sarà obbligatorio l’uso della mascherina e, se prescritto dalle autorità competenti, a ogni visitatore verrà controllata la temperatura corporea all’ingresso della Fondazione.

Al bookshop verranno distribuiti guanti monouso per sfogliare i volumi esposti mentre il gel disinfettante sarà a disposizione in vari punti dello spazio espositivo. Verranno infine assicurate procedure di igienizzazione ripetute nel corso della giornata e di sanificazione periodica. 

Camera sarà aperta con il consueto orario: lunedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica dalle 11.00 alle 19.00, giovedì dalle 11.00 alle 21.00. Per festeggiare la possibilità di tornare a visitare le mostre, anche due aperture straordinarie, dalle 11.00 alle 19.00:martedì 19 maggio e martedì 2 giugno, Festa della Repubblica Italiana.

Gratitudine

E il pensiero del presidente Chieli va anche a chi, per colpa del Coronavirus, non c'è più, a chi soffre o ha sofferto. Inoltre Camera non si dimentica di chi in questi mesi ha combattuto in prima linea contro il virus: "Per dimostrare la nostra gratitudine e ricordarci di quanto sia importante il ruolo della Sanità e della Protezione Civile - ha aggiunto -, abbiamo deciso di offrire l’ingresso gratuito, fino alla fine della mostra in corso, a medici, infermieri, a tutto il personale sanitario e ai volontari della Protezione Civile. Un piccolo gesto che vuole essere un sincero “grazie” collettivo da parte di tutto lo staff di Camera".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

Torna su
TorinoToday è in caricamento