"Suicida dopo il triage sbagliato": chiesta condanna per l'infermiera

La donna scappò dall'ospedale

Il pronto soccorso dell'ospedale Maria Vittoria

Il pm Francesco La Rosa ha chiesto, al termine della requisitoria nell'udienza di oggi, mercoledì 18 luglio 2018, la condanna per omicidio colposo di un'infermiera dell'ospedale Maria Vittoria che, secondo l'accusa, avrebbe sottovalutato, in sede di triage, le intenzioni suicide di una donna di 50 anni che si tolse la vita nel quartiere San Donato dopo l'uscita dall'ospedale il 6 ottobre 2015. La richiesta è di due anni e mezzo di reclusione. 

L'operatrice sanitaria assegnò un codice verde alla paziente, arrivata con ferite di arma da taglio (che si era autoinflitta già allo scopo di suicidarsi) sui polsi. Dopo aver aspettato, la donna era andata via senza essere stata visitata e si era gettata dalla tromba delle scale di un palazzo, dal quarto piano.

Potrebbe interessarti

  • Pesche alla piemontese: un dolce estivo, leggero, veloce e facile da preparare

  • Il Farò di San Giovanni, speriamo che la pira caschi dalla parte giusta!

  • Il gelato secondo i torinesi: dibattito aperto alla ricerca della gelateria preferita

  • Le migliori vinerie: dove comprare il vino sfuso a Torino

I più letti della settimana

  • Il destino è stato più veloce di Luigi, che era appena diventato papà di una bambina

  • Morto in casa da giorni, i suoi cani sbranano il corpo

  • Tragedia nel cortile: bimba piccola investita dall'auto della mamma, morta

  • Alimenti putrefatti, blatte, scarafaggi ed escrementi: chiuso il panificio-pasticceria

  • Cade con la moto e sbatte la testa contro il marciapiedi, ragazzo morto

  • Meteo: addio ai temporali, arriva il super caldo

Torna su
TorinoToday è in caricamento