Ritrovato a Milano l’edicolante di 43 anni scomparso da Settimo

Voleva togliersi la vita ma i carabinieri lo hanno ritrovato prima che potesse riuscirci. Dal torinese era arrivato fino a Milano dove è stato rintracciato a bordo della sua Fiat Qubo. Dentro il vano portaoggetti aveva una pistola Beretta

I carabinieri della compagnia di Chivasso, in collaborazione con i colleghi di Milano Porta Magenta, hanno ritrovato Vincenzo Testino, l’edicolante di 43 anni scomparso lunedì mattina da Settimo Torinese

L’uomo è stato trovato ancora vivo, nonostante avesse scritto in un biglietto lasciato alla madre di volersi togliere la vita. I carabinieri lo hanno rinvenuto all’interno della sua Fiat Qubo bordò in via Novara a Milano: era in stato confusionale e quando i militari si sono avvicinati alla vettura lui non ha opposto resistenza. Nel vano portaoggetti c’era una pistola Beretta.

Da Settimo Torinese era sparito lunedì. La madre sessantaquattrenne credeva che stesse andando a lavorare a Brandizzo come faceva tutte le mattina: invece la saracinesca della tabaccheria che da anni gestiva non è più stata tirata su da quel giorno. In casa Vincenzo Testino aveva lasciato sia il cellulare che una lettera in cui esplicitava le sue intenzioni suicide. Cosa che, per fortuna, non ha messo in pratica.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile schianto nel sottopasso, ma è la scena della fiction con Raoul Bova

  • Maxi-tamponamento in tangenziale: coinvolti cinque veicoli, traffico paralizzato

  • Scossa serale di terremoto: avvertita dalla popolazione, ma nessun danno

  • Scontro tra camion e moto, morto il centauro

  • Incendio in una carrozzeria, dipendente ustionato: è grave

  • Scontro auto-tram all'incrocio: la macchina finisce in mezzo ai binari

Torna su
TorinoToday è in caricamento