Attivista no-vax protesta da due giorni per fare entrare le figlie a scuola, stasera anche una fiaccolata

Ma intanto è stata querelata

Il furgoncino di Chiara Tinuzzo tappezzato di manifesti no-vax, con alcune persone che le danno assistenza

Chiara Tinuzzo, 39 anni, mamma delle due gemelle tenute fuori dalla scuola dell'infanzia Villa Girelli di Ivrea perché non in regola con le vaccinazioni, dal pomeriggio di lunedì 9 settembre 2019 è davanti all'istituto per protestare. Dorme nella suo furgoncino Renault, tappezzato di manifesti no-vax, e fa lo sciopero della fame.

La sua iniziativa viene sostenuta dai gruppi no-vax della zona e nella serata di oggi, mercoledì 11, questi hanno organizzato una fiaccolata nella cittadina (partenza alle 20 proprio davanti alla Villa Girelli, in strada privata Monte Bidasio) a suo sostegno.

La cooperativa Alce Rosso, che gestisce la scuola, intanto, ha presentato formalmente querela contro di lei e contro gli altri genitori che lunedì hanno tentato di entrare nella struttura nonostante il divieto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

  • Sciopero di 24 ore del trasporto pubblico locale: a rischio i mezzi GTT

Torna su
TorinoToday è in caricamento