Bimba morì per un'emorragia dopo le dimissioni dall'ospedale: chiesto processo per un medico

Scambiata per gastrite

L'ospedale di Rivoli

Il procuratore aggiunto Vincenzo Pacileo ha chiesto il rinvio a giudizio per un medico dell'ospedale di Rivoli che, il 4 maggio 2018, firmò le dimissioni della piccola Alice Mele, una bambina di due anni residente a Collegno che morì il giorno successivo per un'emorragia cerebrale all'ospedale Regina Margherita di Torino.

Secondo il magistrato il sanitario è responsibile di omicidio colposo in quanto non si sarebbe accorto dell'emorragia in corso, scambiandola per una gastrite. La piccola, infatti, accusava vomito. Per l'accusa avrebbe dovuto quantomeno essere sottoposta a una Tac, cosa che non fu fatta.

Del caso si sono occupati anche gli agenti della squadra mobile di Torino, che hanno accertato che la piccola era caduta due volte e che questo era stato segnalato al medico.

La vicenda

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Firmato il decreto: Piemonte zona arancione, che cosa si può e non si può fare da domenica 17 gennaio 2021

  • Piemonte in zona gialla: le regole in attesa della nuova stretta nazionale

  • Torino, ruba il portafoglio dimenticato in farmacia. E spende i soldi per fare la spesa: "Non vivo nell'oro"

  • Infarto mentre fa jogging nel parco a Torino, morto avvocato di Settimo. Ambulanza bloccata dai dissuasori

  • Tragedia alla fermata a Torino: colpito da un malore, morto sotto gli occhi di numerose persone

  • Primark apre a Le Gru: in arrivo il marchio che fa impazzire le adolescenti di tutto il mondo

Torna su
TorinoToday è in caricamento