Cronaca Barriera di Milano / Via Giorgio Ghedini

Freddato in strada in zona Barriera, è caccia al killer di via Ghedini

E' caccia al killer di Antonio Pisano, ucciso a colpi di pistola in via Ghedini. Secondo gli investigatori l'omicidio sarebbe riconducibile allo spaccio di droga

Colpito da tre pallottole all'addome è morto dopo la corsa dei soccorsi verso l'ospedale San Giovanni Bosco di Torino. Così è morto Antonio Pisano, 49enne freddato in strada da distanza ravvicinata da un uomo, si sospetta, collegato a lui per la droga. Anche se gli investigatori non escludono nulla, tenendo conto dei reati precedenti commessi dalla vittima inerenti allo spaccio di droga, questa potrebbe essere la pista giusta per risalire all'assassino.

Nel dicembre del 2000 Antonio Pisano era stato arrestato all'aeroporto di Malaga, con l'accusa di traffico internazionale di droga, proprio dalla squadra mobile di Torino, che gli dava la caccia da alcuni mesi. Nel 2002 il suo nome compare anche in una inchiesta di Reggio Calabria, sempre per reati connessi al traffico di stupefacenti. Uscito di cella nel 2007, era stato sorvegliato speciale fino all'anno scorso.

Gli spari che lo hanno ucciso sono avvenuti nel tardo pomeriggio in via Ghedini, di fronte al civico 13, nel quartiere Barriera di Milano. Secondo alcuni testimoni, richiamati dalle urla di Antonio Pisano, a togliergli la vita sarebbe stato un uomo solo fuggito poi a piedi.


Negli ultimi anni la vittima aveva vissuto a Rivarolo Canavese, nella prima cintura di Torino. Secondo quanto si sa, non aveva legami stabili. Gli investigatori della polizia dovranno ora cercare di dare un volto al suo assassino e di ricostruire gli ultimi movimenti della vittima.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Freddato in strada in zona Barriera, è caccia al killer di via Ghedini

TorinoToday è in caricamento