Cronaca San Salvario / Via Tommaso Valperga Caluso, 35

“Jurassic Park” piemontese, una specie sconosciuta di dinosauri scoperta dall’Università di Torino

È stato chiamato "Galeamopus pabsti", visse 150 milioni di anni fa negli Stati uniti. Le foto della scoperta torinese

Una “nuova” specie di dinosauro è stata scoperta dai ricercatori dell’Università di Torino in collaborazione con l’università di Lisbona: si tratta del Galeamopus pabsti, simile alla famiglia dei diplodocidi di cui faceva parte il ben noto brontosauro, ed è vissuto in pieno periodo Giurassico, circa 150 milioni di anni fa.

La nuova specie Galeamopus pabsti è stata descritta dai paleontologi del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Torino, e della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università Nova di Lisbona e del Museo di Lourinhã in Portogallo. Questo dinosauro Giurassico è stato ritrovato durante scavi coordinati da un gruppo di ricerca svizzero guidato da Hans-Jakob "Kirby" Siber e Ben Pabst, in Wyoming (USA) nel 1995. È il più recente di una serie di nuove scoperte dei due paleontologi Emanuel Tschopp (Università di Torino) e Octávio Mateus (Università di Lisbona), iniziata nel 2012 con Kaatedocus siberi. Il nuovo articolo scientifico è stato pubblicato online nella rivista PeerJ martedì 2 maggio.

Galeamopus pabsti è simile al famoso Diplodocus, ma ha gli arti più robusti e un collo particolarmente alto, e quasi triangolare verso la testa. È la seconda specie del genere Galeamopus, che è stato identificato come genere distinto da Diplodocus dagli stessi ricercatori nel 2015. La nuova specie è dedicata a Ben Pabst, che ha trovato lo scheletro e l’ha preparato per il montaggio nel Sauriermuseum Aathal in Svizzera, dove costituisce una delle principali attrazioni.

I sauropodi diplodocidi sono tra i dinosauri più emblematici: con il loro collo e la coda così lunga, rappresentano la forma tipica di un sauropode. Specie di diplodocidi sono state ritrovate in Africa, Sudamerica e Europa, ma la diversità più alta si ha negli USA: più di 15 specie di questi giganti, tra cui anche il famoso Brontosaurus excelsus, sono esistiti in Nordamerica. I ricercatori sono ancora stupiti dall’alta diversità di questi enormi animali, e continuano i loro studi per comprendere come essa potesse essere sostenuta dell’ecosistema in cui vivevano.

Ecco le immagini della nuova specie di dinosauro scoperta dall’Università di Torino

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Jurassic Park” piemontese, una specie sconosciuta di dinosauri scoperta dall’Università di Torino

TorinoToday è in caricamento