Treni, in Piemonte diminuiscono i pendolari a causa di disagi e tagli ai servizi

Regione Piemonte e RFI stanno lavorando per ridurre gli inconvenienti e invertire il trend negativo

In Piemonte i pendolari del treno sono diminuiti del 9,5% rispetto al 2011. Questo dato emerge dal rapporto "Pendolaria" curato da Legambiente: ogni giorno 165mila persone, per ragioni di studio o lavoro, in Regione si spostano sulle ferrovie. Sembrano numeri alti ma in realtà il calo c'è stato ed è la conseguenza più diretta dei tagli al servizio ferroviario regionale, pari all'8,4%, che dal 2010 ad oggi hanno portato alla soppressione di intere linee. L'aumento del costo degli abbonamenti sui Frecciarossa Torino-Milano è quindi solo l'ultima scure che si è abbattuta sui numerosi piemontesi che quotidianamente, per spostarsi, usano il treno. Il Piemonte infatti ha il record negativo in Italia con un aumento delle tariffe, negli ultimi 6 anni, del 47%. 

Senza dimenticare i disagi che i piemontesi devono sopportare ogni giorno - e in particolare nelle ultime settimane -, tra soppressioni, incidenti ai passaggi a livello, fenomeni atmosferici che causano rallentamenti e ritardi. A questo proposito però Trenitalia fa sapere che nonostante i disagi, nel mese di gennaio, le rilevazioni parlano di un aumento della puntualità dei treni rispetto al mese precedente.

Un trend positivo che registra un miglioramento, in particolare, del 4.1%  sulla Pinerolo-Chivasso, +7,4 % sulla linea Torino-Bra-Alba, il 3% in più dei collegamenti puntuali sulla Torino-Fossano, arrivando a superare l’11% di miglioramento sulle linee Torino-Savona, Torino-Milano e Alba-Cavallermaggiore, dove i dati certificati riscontrano che il 97,9 % dei treni è arrivato puntuale. Un servizio anche più affidabile grazie a un deciso calo del numero dei treni cancellati, sceso, a gennaio, del 23 % rispetto al mese precedente e del 59% rispetto a novembre 2016.

Ma nei prossimi mesi gli interventi di manutenzione straordinaria e rinnovo degli impianti ferroviari saranno implementati ulteriormente, con particolare riferimento al nodo di Torino e alle linee che hanno manifestato criticità nell'ultimo periodo. Anche sulla Torino-Savona, dove spesso sono presenti rallentamenti, RFI (Rete Ferroviaria Italiana) sta intervenendo con la realizzazione di importanti opere di contenimento che entro la primavera dovrebbero contribuire a diminuire i disagi per chi viaggia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questo quadro assume ancora più importanza l’attività avviata da RFI e Regione Piemonte per procedere velocemente nella ricerca di soluzioni e intese con gli enti locali per ridurre in particolare, il numero dei passaggi a livello sulle linee.
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Torino usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tifoso interista scommette sull'eliminazione della Juve dalla Champions: vince quasi 10mila euro

  • Tragico schianto nella notte: auto in un una scarpata, morti cinque ragazzi

  • Maxi-incidente in tangenziale: quattro veicoli coinvolti, uno ribaltato e due in fiamme

  • Compleanno torinese per i 18 anni del figlio di Fabrizio Corona e Nina Moric: pronta una grande festa

  • Super-vincita al concorso a premi in tabaccheria: un fortunato si porta a casa 53mila euro

  • Viviana e il piccolo Gioele sono ancora scomparsi, ma oggi fatti avvistamenti 'importanti'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento