Volpiano, confermati i servizi scolastici: mensa, pre-scuola e scuolabus funzioneranno regolarmente

L'amministrazione si è accollata l'aumento inevitabile dei costi per andare incontro alle famiglie

L'amministrazione comunale di Volpiano, visto l'avvio del nuovo anno scolastico e l'emergenza covid-19, ha riorganizzato l'erogazione dei servizi scolastici accessori che sono stati confermati. Dalla mensa, al pre-scuola al trasporto scuolabus. In base alle nuove disposizioni dettate dalla necessità di non diffondere i contagi, i pasti per gli studenti vengono portati direttamente nelle classi, utilizzando i carrelli portavivande, sia per ragioni sanitarie e sia perché nei locali mensa sono state ricavate nuove aule; il pre-scuola non si svolge all'interno degli edifici scolastici ma in strutture esterne e con un numero contingentato di iscritti, e il percorso dello scuolabus è stato rimodulato in funzione della necessità di restare nei tempi di percorrenza indicati dalle linee guida nazionali.

Aumento dei costi

"L'emergenza sanitaria in corso - ha spiegato Elisa Gigliotti, assessora alla Scuola - porta notevoli disagi nell'erogazione dei servizi scolastici accessori; come amministrazione abbiamo comunque deciso di mantenere attivi questi servizi, che sono facoltativi, nonostante le difficoltà organizzative e l'aggravio di costi che non vogliamo far ricadere sulle famiglie. Per il pre e post scuola abbiamo stanziato ulteriori 20mila euro, senza considerare altri 2mila euro per i dispositivi di protezione individuale, la sanificazione dello scuolabus comporta un aumento di spesa di 106 euro al giorno e per l'asilo nido i maggiori oneri sono stimati in 810 euro al mese".

L'amministrazione di Volpiano dunque, a differenza di altri comuni che per via delle difficoltà create dalle nuove normative hanno scelto di sospendere i servizi scolastici accessori, ha scelto di continuare a erogarli, accollandosi l'aumento inevitabile dei costi per andare incontro alle famiglie: 

"Nelle riunioni di giugno, appena definite le linee guida - ha spiegato il sindaco Emanuele De Zuanne -, abbiamo stabilito le caratteristiche tecniche dei servizi e privilegiato interventi innovativi, come le lampade germicide nelle scuole e i trattamenti sulle pareti delle palestre, per garantire la sicurezza contenendo le spese. Abbiamo anche avuto il supporto di alcune aziende del territorio, come Sparco ed Eurosicura, che ringrazio, per la fornitura di mascherine e sistemi igienizzanti, e insieme all'istituto comprensivo e alle associazioni del territorio stiamo valutando l'erogazione di ulteriori servizi per venire incontro alle famiglie in questo difficile momento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Come cambia il mercato immobiliare di Torino dopo il lockdown: l'analisi quartiere per quartiere

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: cosa bisogna fare per avere i codici e vincere fino a 5 milioni

Torna su
TorinoToday è in caricamento