Toro, bye bye Matteo Darmian: chi arriverà al suo posto?

Urbano Cairo, presidente granata, lo ha detto da tempo: finita l'era dei prestiti con diritto di riscatto e delle comproprietà, il patròn alessandrino vuol puntare su giovani di talento

“Grazie a tutti: farò del mio meglio per rendervi orgogliosi!”: ceduto al Manchester United per l'iperbolica cifra di 18 milioni di euro (più altri 2 di bonus a obiettivo raggiunto), Matteo Darmian saluta con un briciolo di commozione sincera il popolo granata. Mai buona educazione, spirito di sacrificio, abnegazione e volontà di emergere sono convissute così bene in un calciatore come in questo ragazzo lombardo classe '89. Mai come stavolta un talento del calcio italiano merita di varcare i confini a caccia di lauti guadagni e di trofei. Gongola giustamente Giampiero Ventura, primo artefice dell'affermazione professionale – con relativa copiosa plusvalenza per le casse del Toro – di un ragazzo che Milan e Palermo, proprietari del suo cartellino, solo 4 anni fa ritenevano uno scarto qualsiasi destinato a palcoscenici minori. Cari Galliani e Zamparini, che dura lezione avete imparato oggi dalla società di via Arcivescovado!

​E' p​art​ito​ Darmian, ma chi è arrivato al suo posto? Urbano Cairo, presidente granata, lo ha detto da tempo: finita l'era dei prestiti con diritto di riscatto e delle comproprietà, il patròn alessandrino vuol puntare su giovani di talento​.​ Gianluca Petrachi ha così prelevato dall'Atalanta per complessivi 12 milioni due giovani promesse del football italiano come i 23enni Davide Zappacosta, esterno destro, e Daniele Baselli, centrocampista: assieme a due ex interisti mai ambientatisi a Milano come il 21enne Marco Benassi - riscattato alle buste per 3,5 milioni - e il 24enne Joel Chukwuma Obi andranno a scuola da Ventura per dare finalmente un senso a una carriera finora tanto promettente quanto altalenante.

Ma le trattative a cui sta lavorando alacremente in entrata il ds Gianluca Petrachi non finiscono qui. Oltre a Danilo Avelar, esterno mancino uruguagio prelevato dal Cagliari, e al ghanese Afriye Aquah, arrivato per 3 milioni dall'Hoffenheim e soffiato sotto il naso alla Sampdoria che voleva risparmiare qualcosa sul suo cartellino, il Toro cercherà da qui alla fine del mercato un attaccante e un centrocampista offensivo​.​ Andrea Belotti, 22enne centravanti cresciuto nell'Albinoleffe che attualmente milita nel Palermo, e Carlos Carbonero, di proprietà della Roma ma reduce da un buon campionato col Cesena, sono i due nomi più gettonati fra gli addetti ai lavori.

Nel giorno della presentazione delle nuove divise sociali – particolarmente ammirata la terza, blu cobalto con stilizzati i cognomi di tutti i campionissimi – capitan Glik e compagni affrontano i duri allenamenti nella prima fase del suo ritiro estivo a Bormio, in Valtellina. I granata si ritroveranno successivamente in Val d'Aosta a Chatillon per la seconda fase dal 29 luglio al 6 agosto.


 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Economia

    Sergio Marchionne è in terapia intensiva: le sue condizioni sono irreversibili

  • Cronaca

    Ciclista colto da malore sul sentiero verso lo Chaberton: per lui, inutili i soccorsi

  • Incidenti stradali

    All'alba due auto si scontrano e finiscono contro l'impianto semaforico: un morto

  • Meteo

    Meteo, tornano caldo e afa su Torino e il Piemonte

I più letti della settimana

  • Terribile tamponamento in tangenziale: un morto, due donne e una bambina ferite

  • Un tragico destino ha portato via il mago dei ponteggi: lascia moglie e figli piccoli

  • Violento acquazzone: auto bloccata nel sottopasso, spostato atterraggio degli aerei

  • All'alba due auto si scontrano e finiscono contro l'impianto semaforico: un morto

  • Giovane donna trovata senza vita in una camera d'albergo

  • "Suicida dopo il triage sbagliato": chiesta condanna per l'infermiera

Torna su
TorinoToday è in caricamento