Attentati esplosivi a matrice anarchica: chieste 22 condanne, la più alta a 30 anni

Una sola richiesta di assoluzione

La scena dopo uno degli ordigni esplosi alla Crocetta nel 2007

Ventidue richieste di condanna e una sola richiesta di assoluzione per gli imputati del processo Scripta Manent, esponenti dell'organizzazione anarchica Fai-Fri ritenuta responsabile di diversi attentati di diverso tipo avvenuti in Italia (alcuni anche a Torino, come gli ordigni esplosi alla Crocetta nel 2007) dal 2002 al 2016, quando il nucleo dell'organizzazione fu arrestato in blocco dalla polizia.

La requisitoria è stata pronunciata ieri, martedì 5 marzo 2019, nell'aula bunker del carcere delle Vallette dal pm Roberto Sparagna, titolare dell'inchiesta. 

Per Alfredo Cospito, già condannato a nove anni per l'avere gambizzato l'amministratore delegato di Ansaldo Nucleare Roberto Adinolfi, la richiesta è la più pesante di tutti: 30 anni. Per la sua ex fidanzata Anna Beniamino l'accusa si è fermata a un anno in meno, 29.

A decidere sulla sorte degli anarchici sarà la Corte d'assise presieduta dal giudice Alessandra Salvadori.

Guarda il video

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

  • "Da domani la strada sarà piena di veleno per i vostri cani" e i residenti insorgono sul web

  • Doppia scossa di terremoto a mezz'ora l'una dall'altra: avvertite dalla popolazione

  • Fine corsa per il pirata della strada, la sua auto era in carrozzeria: arrestato

  • Scontro violento fra auto: i vigili del fuoco estraggono due ragazze dalle lamiere

  • Incendio divampa nell'appartamento al nono piano, famiglia con bimbe piccole messa in salvo

Torna su
TorinoToday è in caricamento