menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terrorismo, operazione della polizia contro gli anarchici Fai: sette arrestati

Secondo gli investigatori l'organizzazione aveva la sua testa a Torino. Nel 2007 l'attentato alla Crocetta

La Digos di Torino sta eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare che ha permesso di arrestare sette anarchici e indagarne altri otto.

Sono tutti aderenti alla Fai, Federazione Anarchica Informale.

Sono accusati di associazione per delinquere finalizzata al terrorismo.

Tra gli arrestati ci sono anche Alfredo Cospito e Nicola Gai, già condannati a nove anni e a dieci anni e otto mesi per l’attentato all’amministratore delegato di Ansaldo Nucleare, Roberto Adinolfi, il 7 maggio 2012.

Numerose le perquisizioni in tutta Italia, con l'utilizzo di unità cinofile antiesplosivo: 32 persone in 29 posti diversi in Piemonte, Liguria, Lazio, Emilia Romagna, Lombardia, Sardegna, Abruzzo, Campania e Umbria.

La testa dell'organizzazione, secondo gli investigatori, era a Torino.

Le indagini sono scattate dopo l'attentato, senza vittime, del 5 marzo 2007 alla Crocetta, quando alcune bombe esplosero accanto a dei cassonetti dei rifiuti nel quartiere.

Altri due ordigni esplosero vicino alla caserma allievi carabinieri di Fossano il 2 giugno 2006.

Le bombe, secondo gli investigatori, avevano un duplice obiettivo: colpire i poliziotti e ottenere risalto mediatico.

L'episodio fu rivendicato dagli autori con nomi dei personaggi di Walt Disney: Pippo, Paperoga, Pluto.

L'operazione, denominata Scripta Manent, è scattata all'alba ed è coordinata dal Servizio centrale antiterrorismo della Direzione centrale della polizia prevenzione, su disposizione della procura della Repubblica del capoluogo piemontese.

Stanno collaborando anche le Digos di Pescara, Roma e Viterbo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento