Aria condizionata: vantaggi e svantaggi

Confort e pericoli per la salute

Certe decisioni vanno prese per tempo. L’installazione di un condizionatore in casa,  comporterà infatti qualche opera accessoria in muratura ed in base alle nostre esigenze, bisognerà scegliere il modello più adatto e conveniente. Per prima cosa però, bisogna decidere: aria condizionata sì o aria condizionata no?

Difficile mettersi d’accordo
Già  quando siamo in macchina è difficile trovare un accordo fra tutti i passeggeri sulla temperatura e sull’intensità di ventilazione che è opportuno richiedere al  condizionatore. Per non parlare delle insolubili discussioni in ufficio su questo tema, o delle richieste contrastanti espresse in contemporanea dai passeggeri di un mezzo pubblico: “accendi, spegni, alza, abbassa”.

Considerare vantaggi e svantaggi

In molti luoghi l’aria condizionata è la norma, ma come tutte le cose, presenta vantaggi e svantaggi che, per la diversa sensibilità di ognuno, assumono una differente rilevanza. Qualcuno  ritiene l’aria condizionata indispensabile sin dai primi caldi, altri la considerano una pericolosa minaccia per la salute ed anche per l’ambiente.  

I benefici

Quando comincia a fare veramente caldo, è difficile negare il beneficio che possiamo trarne. Un ambiente fresco e senza umidità ci permette di vivere una quotidianità più serena nonostante l’afa, aumentando la produttività sul lavoro e riposando meglio durante la notte. L’aria condizionata inoltre aiuta chi ha problemi cardiovascolari e chi soffre di pressione bassa. Certamente però, non bisogna esagerare richiedendo temperature eccessivamente basse.

Gli inconvenienti

E’ importante infatti fare attenzione alle “escursioni termiche”. Passare da un ambiente caldo e umido a uno molto più freddo, come ad esempio in ufficio quando si arriva dall’esterno, può risultare molto dannoso.  Gli esperti consigliano che la differenza tra la temperatura esterna e quella interna, ottenuta con il condizionatore, non sia superiore a cinque-sei gradi in meno. Il rischio è di incappare in raffreddori, mal di gola, bronchiti, ma anche emicrania, torcicollo, dolori articolari e muscolari e dolori addominali, accompagnati talvolta anche da dissenteria. Bisogna evitare di sedersi dando le spalle al condizionatore. Comunque,  non esporsi direttamente al getto d’aria, munirsi di scarpe leggere e giacche, tenere il collo coperto. 

Manutenzione e pulizia

Un uso non corretto del condizionatore può causare anche problemi più gravi.  Tutti gli impianti devono essere sempre sottoposti a manutenzione e igienizzati per evitare la proliferazione di pollini, acari e microrganismi vari, alcuni dei quali molto pericolosi come il bacillo Legionella pneumophila, responsabile della malattia del legionario e della febbre di Pontiac.

Consumi  e risparmio 
Un altro aspetto da non sottovalutare è rappresentato dal consumo di corrente. E’ bene preferire i modelli più nuovi con classe energetica A o superiore e dotati di tecnologia “inverter”, in grado di adeguare la potenza all’effettiva necessità, riducendo anche i cicli di accensione e spegnimento. 

Ecco qualche riferimento a Torino:

Ariagas Condizionatori Torino
Indirizzo: Corso Regina Margherita, 183, 10144 Torino TO
Telefono: 011 488884

Airsystem Impianti
Servizio di riparazione di climatizzatori a Torino, Italia
Indirizzo: Via Exilles, 16c, 10146 Torino TO
Telefono: 011 773 4150

E.Co.Service il Clima
Indirizzo: Corso Raffaello, 13, 10125 Torino TO
Telefono: 011 669 6469
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel palazzo del centro cittadino: uomo si uccide gettandosi nel vuoto

  • Ventiquattro ore dopo, nuovo dramma in autostrada: morto un 26enne

  • Sbanda con l'auto e finisce contro il guardrail: morta una donna

  • Precipita dal quarto piano mentre fa lavori in casa: morto dopo l'arrivo in ospedale

  • Perde il controllo dell'auto che invade la corsia opposta: scontro frontale, ragazzo grave in ospedale

  • Abbandona un sacco lungo la strada: “pizzicato” dalle telecamere e sanzionato dai vigili

Torna su
TorinoToday è in caricamento