Val Pellice

Bricherasio, bagarre politica per la festa della Lega Nord

Alla vigilia delle celebrazioni del Carroccio in Val Pellice, desta scalpore il comunicato di un assessore di Torre Pellice: "Alzabandiera padano lesivo nei confronti dell'Unità italiana"

Bagarre politica alla vigilia della festa che la Lega Nord ha organizzato per domenica 12 giugno a Bricherasio. Un appuntamento cui il Carroccio è molto affezionato e che vedrà la presenza di numerosi assessori e deputati del partito, ma che invece è stato accolto con malumore da altre figure istituzionali della Val Pellice.

E’ il caso, in particolare, di Maurizia Allisio, consigliere comunale di Torre Pellice, che riguardo la festa leghista ha emesso un duro comunicato stampa. “Nulla si potrebbe obiettare se una componente politica rappresentata in Parlamento svolgesse una sua manifestazione, a parte l'opportunità di effettuarla in concomitanza con la scadenza elettorale referendaria – ha scritto la Allisio –. Ma nel corso dell'incontro è previsto un alzabandiera dei simboli di Piemonte e Padania. Tale iniziativa è incompatibile e lesiva nei confronti dell'Unità italiana, in particolare nell'anno delle celebrazioni per il centocinquantenario”.


Il consigliere torrese, inoltre, propone una forma di protesta nei confronti dell’iniziativa. “Sarebbe opportuno che i sindaci della Valle protestassero per questo atto ed adottassero misure in controtendenza – conclude infatti la Allisio –: potrebbe essere un gesto significativo presentarsi con fascia tricolore per riaffermare l'unità del Paese”. Stupore sul fronte leghista, che assicura di non aver mai avuto in passato problemi riguardo la propria festa e la cerimonia dell’alzabandiera.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bricherasio, bagarre politica per la festa della Lega Nord

TorinoToday è in caricamento