Val Pellice Torre Pellice

Delitto di Torre Pellice, dieci anni e dieci mesi all'assassino

Si è concluso questa mattina, con una pesante condanna, il processo a carico di Adrian Cristea, il giovane romeno di 22 anni che in un impeto di gelosia a settembre aveva ucciso un connazionale

Si è concluso questa mattina, con una condanna a dieci anni e dieci mesi di reclusione, il processo a carico di Adrian Cristea, il giovane romeno di 22 anni che a Torre Pellice, in un impeto di gelosia, aveva ucciso un connazionale, Mihaita Dajbog. A stabilirlo il giudice Gianni Reynaud, nelle aule del Tribunale di Pinerolo.

La vicenda risale allo scorso 8 settembre, quando l'assassino ammise pubblicamente in una piazza di Torre Pellice di aver consumato il delitto. Il giovane romeno aveva inferto una sola coltellata dritta al cuore dell'amico, che pare lo avesse provocato dicendogli di essere stato con la sua ragazza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Delitto di Torre Pellice, dieci anni e dieci mesi all'assassino

TorinoToday è in caricamento