Val Chisone

Una mozione per salvare gli impianti post-olimpici in Val Chisone

Iniziativa dei parlamentari Esposito e Merlo per migliorare la gestione delle infrastrutture lasciate in eredità da Torino 2006: "Ai Comuni i 40 milioni avanzati durante i Giochi"

Da cinque anni a questa parte, ovvero dalla conclusione dei Giochi di Torino 2006, la difficoltosa gestione degli impianti sportivi nel post-Olimpico è un ritornello che ciclicamente torna di moda. In particolar modo per quanto concerne le infrastrutture della Val Chisone, trampolino di Pragelato in primis.

Per provare, se non a risolvere, quanto meno a migliorare l’attuale situazione, è ora in procinto di essere promossa una mozione parlamentare. Protagonisti gli onorevoli Stefano Esposito e Giorgio Merlo del PD. “Bisogna destinare immediatamente ai siti impegnati nel post-Olimpico i 40 milioni avanzati dai Giochi invernali del 2006 - ha spiegato Esposito -, che giacciono inutilizzati su un conto corrente e che ora rischiano di venire dirottati sulla candidatura olimpica di Roma”.

“Questi soldi devono essere dati alla Regione, affinché li metta a disposizione dei Comuni con l’obiettivo di sfruttare al meglio l’eredità olimpica ed evitare la chiusura degli impianti di montagna – ha proseguito il parlamentare del PD –. La Regione aveva presentato il progetto della ‘Coverciano della neve’, dopodiché sulla questione è sceso il completo silenzio: le sue responsabilità sono evidenti. La mancanza di una iniziativa politica per ottenere fondi e stanziamenti rischia di gettare nell’abbandono le strutture olimpiche e di impoverire la stessa offerta turistica. Per questo auspichiamo che la mozione venga sottoscritta dai parlamentari di tutti gli schieramenti. Purtroppo si sta facendo tutto il possibile per destrutturare il sistema post-Olimpico e far fuggire i soci americani. E ogni giorno assistiamo a una nuova indagine giudiziaria…”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una mozione per salvare gli impianti post-olimpici in Val Chisone

TorinoToday è in caricamento