Pinerolo Pinerolo

Pinerolo, parla toscano il "Trofeo Eco del Chisone"

Nel segno del livornese Alessio Taliani la 18° edizione della corsa ciclistica per Under23, andata in scena sabato: vittoria in solitaria, sul durissimo muro di San Maurizio, per il corridore diretto da Franco Chioccioli

Si è concluso nel segno della Toscana, ed in particolare del livornese Alessio Taliani, il 18º Trofeo Eco del Chisone, andato in scena sabato a Pinerolo. Vittoria in solitaria, sul durissimo muro di San Maurizio, per il corridore diretto da Franco Chioccioli, colui che nel 1991 seppe vincere il Giro grazie ad emozionanti scalate in salita. E proprio quando la strada s’inerpicava il livornese Taliani, residente a Colle Salvetti, ha costruito il proprio capolavoro, battendo una concorrenza agguerrita e titolatissima.

La classica nazionale per Under23 non ha tradito le attese di un folto pubblico accorso lungo il percorso e sul traguardo per applaudire il successore di Moreno Moser, nipote del grande Francesco. L’attuale corridore della Liquigas vinse lo scorso anno con una stoccata ai danni di un bielorusso. Taliani ha messo il turbo sulla salita di Pramartino, affrontata da un drappello di ventidue battistrada arrivato ad avere un vantaggio importante sul resto del gruppo. Il pupillo di Chioccioli ne faceva parte e l’azione da lontano è stata premiata: quando mancavano poco più di dieci chilometri all’arrivo, il corridore del Team Futura Matricardi ha distanziato Fausto Masnada (Team Colpack). 

Se Taliani, con 1' di margine al secondo, bissa il recente successo nella sua terra d’origine, mettendo in mostra qualità importanti, terza piazza (1’15" di distacco) per un favorito come Davide Villella, bergamasco con all’attivo sei successi stagionali. Bellissimo, come sempre, l’arrivo dei corridori sgranati dalla cote conclusiva in pieno stile fiammingo. Quarta piazza per Davide Gaburro (Team Hopplà), quindo Davide Orrico e nono Francesco Sedaboni entrambi quest'ultimi del Team Colpack. Da segnalare l’ottima sesta e settima piazza da parte di due ragazzi del pinerolese, Umberto Marengo e Davide Busuito, a 1’25" dal vincitore. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pinerolo, parla toscano il "Trofeo Eco del Chisone"

TorinoToday è in caricamento