Lunedì, 20 Settembre 2021
Pinerolo

Nel Pinerolese il servizio del 118 non sarà più garantito

Gravissimo scenario a Torino ed in Provincia, causato dalla sospensione, sin dal mese di giugno, dei rimborsi derivanti da costi di carburante e retribuzione del personale dipendente dell'Anpas

Rischia di non poter essere più garantito, a Torino ed in Provincia, la copertura del servizio di 118 in ambulanza. Una gravissima situazione rischia di sgorgare dalla sospensione, sin dal mese di giugno, dei rimborsi derivanti da costi di carburante e retribuzione del personale dipendente. L’Anpas provinciale, infatti, pare avere solo più pochi giorni di autonomia finanziaria. Il presidente regionale, Andrea Bonizzoli, ha comunicato al Prefetto di Torino, Alberto Di Pace, al Presidente Regione Piemonte, Roberto Cota, all’Assessore Tutela Salute e Sanità Regione Piemonte, Paolo Monferino, al Direttore Generale Azienda Città della Salute e della Scienza, Angelo Lino Del Favero, ed al Direttore Dipartimento Emergenza Urgenza del Piemonte, Danilo Bono, la concreta possibilità di veder interrotto a breve il servizio pubblico del 118.

L'Anpas, in ogni caso, ribadisce che la Croce Verde di Bricherasio, Cavour, Cumiana, None, Perosa, Pinerolo, Porte, Rivoli, S. Giusto, Scarmagno, Torino e Vinovo Candiolo Piobesi, la Croce Bianca di Orbassano, Rivalta, Valperga, Volpiano e le Pubbliche Assistenze di Caluso, Caravino, Ceresole, Ivrea, Sauze d’Oulx, Verolengo e Volvera abbiano sempre gestito il servizio al solo rimborso dei costi sostenuti e documentati, in conformità alle leggi regionali. Ne conseguirà una manifestazione di protesta, indetta per mercoledì 3 ottobre davanti alla sede della Regione Piemonte, con la partecipazione di tutte le Pubbliche Assistenze della Regione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel Pinerolese il servizio del 118 non sarà più garantito

TorinoToday è in caricamento