Pinerolo Stradale San Secondo, 100

Pinerolo, Chiabrando: "Ultima amministrazione desolante, ora meno sprechi e più risorse"

Si conclude questa sera la campagna elettorale del candidato sindaco sostenuto dal Pdl: "In questi cinque anni la città è rimasta ferma, ora dobbiamo guardare avanti"

Si terrà questa sera alle 20:30 la chiusura della campagna elettorale di Andrea Chiabrando, candidato sindaco a Pinerolo sostenuto dal Pdl. Teatro dell’incontro, quello stesso Hotel Barrage di Stradale San Secondo che appena ventiquattr’ore fa ha ospitato l’analoga serata di Piera Bessone, aspirante primo cittadino della Lega Nord. Gli appuntamenti in agenda per Chiabrando non termineranno comunque oggi, dato che già domani mattina sarà a disposizione dei cittadini che vorranno incontrarlo presso la centralissima Piazza Roma a partire dalle ore 9.

E, proprio alla vigilia della chiusura di campagna elettorale, il candidato di centro-destra ha voluto diffondere un’ulteriore lettera per ribadire i capisaldi del proprio programma ed analizzare le prospettive della città. Ve la proponiamo di seguito.

“La scadenza elettorale di questo fine settimana sarà determinante per costruire il futuro di Pinerolo. Gli ultimi cinque anni di amministrazione hanno offerto ai cittadini un quadro desolante, caratterizzato da liti, divisioni e continue spaccature. E la città è rimasta ferma in un momento in cui non poteva permetterselo.

Adesso è giunto il momento di guardare avanti, liberandosi dalla politica dei soliti noti. Dobbiamo rilanciare l’economia e l’occupazione, dobbiamo investire sui giovani e sulla loro formazione. Vogliamo rendere la città più bella e più vivibile, limitando le nuove costruzioni, ma ristrutturando e riqualificando l’esistente.

E’ necessario, poi, rafforzare la nostra sanità, potenziando l’ospedale ed i servizi domiciliari. Dobbiamo migliorare il sostegno alle famiglie ed il supporto alle persone in difficoltà. Vogliamo puntare sulla cultura e sul valore del nostro territorio.


Per fare tutto questo serve una Amministrazione efficiente, che eviti sprechi e reperisca risorse, anche attraverso l’accesso a bandi regionali, nazionali ed europei. E’ necessario, quindi, guidare Pinerolo verso una rinascita sociale, culturale ed economica. La democrazia ci darà, sabato e domenica, l’occasione per fare tutto ciò. Per cambiare il volto della nostra città”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pinerolo, Chiabrando: "Ultima amministrazione desolante, ora meno sprechi e più risorse"

TorinoToday è in caricamento