Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I preparativi (e i distanziamenti) per pranzi e cene: come si festeggerà nelle case di Torino | Interviste

Saranno un Natale e un Capodanno in zona rossa

 

Saranno un Natale e Capodanno insoliti. Li passeremo in zona rossa e saremo costretti a rivoluzionare i nostri riti consueti. Allora via ai pranzi ristretti per nucleo familiare o in stanze separate. C'è anche chi però passerà le feste lavorando. 

È il caso di un infermiere napoletano che è a Torino per l'emergenza covid: "Passerò Natale insieme ai miei malati, insieme ai miei colleghi. Quest'anno è stata dura, non è finita, ma teniamo duro e andiamo avanti". 

Sola anche una ragazza sicialiana che non può andare a casa: "Farò un pranzo insieme agli amici. Gli altri natali e capodanni della mia vita avranno un valore differente". 

"Noi faremo il pranzo di Natale in campagna pranzando in due sale diverse, i miei genitori in cucina e io e il mio compagno in sala", spiega una ragazza. 

"Non mi sono organizzata diversamente, ho solo mio marito e non figli e nipoti. Non so se sarà difficile, sarà diverso. Un Natale più spirituale", conclude una signora. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento