Venerdì, 25 Giugno 2021

"Lo Stato non ha mai celebrato mio figlio", la rabbia della mamma di Vito Scafidi

"È più facile per lo Stato essere al fianco dei parenti delle vittime di mafia o dei morti sul lavoro, ma non alle vittime dei crolli a scuola perché i colpevoli sono loro. I colpevoli sono coloro che hanno tagliato negli investimenti sulle scuole. In Italia abbiamo solo il 3% delle scuole sicure" - ha dirlo è Cinzia Caggiano, la madre di Vito Scafidi, lo studente che morì nel crollo del Liceo Darwin di Rivoli

La donna ha parlato a lungo con il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e lo ha fatto a margine della cerimonia per la commemorazione delle vittime della Thyssenkrupp: "Ho apprezzato le parole del ministro Bonafede quando ha detto che non si può accettare di morire sul posto di lavoro, per la negligenza di qualcuno. E per le scuole? gli ho chiesto". 

"Noi il 22 novembre - aggiunge riferendosi alla giornata per la Sicurezza nelle Scuole nel giorno dell'anniversario del crollo del Darwin - un rappresentante del Governo, dello Stato non l'abbiamo mai visto. Forse perché colpevoli sono loro? Il ministro - prosegue - mi ha detto che porterà il mio messaggio al ministro Istruzione, ma non basta perché i colpevoli sono tutti quelli che tagliano per la sicurezza nelle scuole. Per noi - conclude - la loro assenza il 22 novembre è una risposta, il problema è ancora grande".

Si parla di

Video popolari

"Lo Stato non ha mai celebrato mio figlio", la rabbia della mamma di Vito Scafidi

TorinoToday è in caricamento