Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I nuovi ingressi al viadotto sono un incubo: i new jersey ad 'esse' riducono la carreggiata | Video

Posti ai quattro ingressi del viadotto Sacco e Vanzetti

 

Non c'è pace per il viadotto di corso Sacco e Vanzetti. Adesso il problema sono i new jersey che sono stati posti ai quattro ingressi del viadotto, che sono due su corso Regina Margherita e due su corso Marche. New jersey che sono stati posti per impedire ai mezzi superiori a tre tonnellate e mezzo di percorrere il viadotto stesso. Divieto che è in vigore dal 2019, ma che non viene rispettato. Il divieto di ingresso ai mezzi con peso superiore alle 3 tonnellate e mezza è stato posto per assicurare le adeguate condizioni di sicurezza durante i lavori di messa in sicurezza del viadotto in seguito a un incendio. 

Cosa fare dunque per farlo rispettare? Ridurre la carreggiata agli ingressi del viadotto ponendo i new jersey e creare un ingresso a 'esse'. Peccato che la soluzione, secondo alcuni cittadini, crei difficoltà a chi dovesse entrare sul viadotto con un camper che non riuscirebbe a oltrepassare la strettoia. Non solo però perché il nuovo ingresso a 'esse' potrebbe anche creare problemi agli automobilisti stessi che giungono da strade ad alta scorribilità come corso Regina Margherita. Secondo i cittadini del comitato spontaneo Parella Sud-Ovest il pericolo ingorghi e serate passate in coda è dietro l'angolo.

Sulla questione è intervenuto anche Stefano Leone, consigliere della circoscrizione 4 in quota Movimento 5 Stelle, che ha chiesto spiegazioni alla responsabile del progetto. "Mi giungono lamentele da parte di comitati e cittadini della zone, dove segnalano la pericolosità della medesima strettoia [...] Per tanto si chiede la modifica della viabilità di questa strettoia in modo da prevenire futuri incidenti", scrive il consigliere in una mail. 

Leone ha spiegato che, a suo avviso, al momento il problema maggiore è che alcuni mezzi, come i camper, pur pesando meno di 3.5 tonnellate non riescono a superare gli ingressi. 

Nella serata di venerdì 25 settembre sono stati registrati i primi disagi. Su corso Regina Margherita infatti si è creata una prima lunga coda. Sul posto, da quel che ci è stato riferito, è intervenuto il personale tecnico per modificare parzialmente l'ingresso di corso Sacco e Vanzetti. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento