rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022

Via Genova, cosa è successo: sul posto i periti a caccia degli indizi che hanno portato al crollo

Dopo la Procura potrà far rimuovere la gru

I periti sono arrivati in via Genova poco prima delle 10 di questa mattina, mercoledì 22 dicembre; sono loro che dovranno ricostruire la dinamica che ha portato al crollo della gru che sabato 18 dicembre ha causato la morte di tre lavoratori e sconvolto l'intera città. 

Dovranno effettuare le misurazioni necessarie alla Procura per comprendere se il crollo è stato dovuto a un errore umano o a quache cedimento strutturale. "Credo che la verifica sia stata accelerata il più possibile per poter rimuovere nei prossimi giorni le gru", ha detto l'ingegner Maurizio Fenocchio, "Faremo un sopralluogo per capire la dinamica degli eventi, determinante perché non è ancora stato toccato nulla. È necessario rilevare le posizioni geometriche per capire al meglio la dinamica, ma avere un’idea ora è assolutamente prematuro".

La perizia durerà tutta la mattinata e parte del pomeriggio: "È ancora molto prematuro avere ipotesi, io ho un’idea ma non la dico perché sono fantasie, servono gli elementi probatori: la posizione oggettiva della gru e l’estensione del braccio. Nel momento in cui è venuto giù il montaggio era praticamente finito. Bisogna vedere di quanto era stato messo in inclinazione il braccio, sono elementi attualmente non noti che dobbiamo verificare", spiega Alberto Giulietto, altro perito esterno, "Nel punto di incastro ci saranno delle tracce e si vedrà se il tutto può derivare da una spinta o se c’è stato un errore umano".

La rimozione della gru potrà essere effettuata solo nei prossimi giorni dopo il via libera della magistratura. 

Video popolari

Via Genova, cosa è successo: sul posto i periti a caccia degli indizi che hanno portato al crollo

TorinoToday è in caricamento