Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In pensione il vigile più noto della città: "Da domani spazio alle passioni, mica ci sono solo i cantieri..."

Volto televisivo

 

Ultimo giorno di lavoro per Valter Gerbi, il vigile più amato di Torino. Alle 13 di oggi, venerdì 7 luglio 2020, ha infatti consegnato presso gli uffici del comando della Polzia Municipale il suo tesserino e da domani potrà dedicarsi alla sua nuova vita. "Ho tante cose da fare, per noi pensionati non esistono solo i cantieri", assicura e ironizza. 

"Era il 9 agosto 1982 quando ho preso servizio", racconta Gerbi che ha passato 38 anni al servizio della Polizia Municipale. Prima effettuando il servizio stradale, per poi arrivare alla gestione dell'ufficio stampa. In tanti lo riconoscono perché per gran parte della sua carriera è stato il volto della Polizia Municipale torinese fornendo in televisione, pubblica e privata, le informazioni sul traffico all'inizio della giornata. Gerbi però è stato anche la voce di Isoradio. "Ovunque vada mi riconoscono e il dramma è che la cosa ha una valenza nazionale. Mi hanno riconosciuto anche a Roma. Voce e volto sono stati significativi, per me è stato un grande onore".

"Torino è cambiata sensibilmente e in meglio. Si è aperta al mondo grazie agli eventi sportivi e religiosi. Rispetto al 1982 è una città migliore, spendibile e vivibile", racconta Gerbi che poi ricorda i momenti più belli della sua carriera, "Ho sempre cercato di avere un contatto diretto con i cittadini dando loro consigli e informazioni. Questo mi ha dato più soddisfazione di una rapina sventata". 

Da domani per Gerbi nuova vita. Si dedicherà alle sue passioni nuoto e volontariato. "Di cose da fare ce ne sono un mucchio. Non ci sono solo i cantieri", scherza salutando. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento