Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Campionessa aggredita in strada: "Credevano fossi una prostituta e mi hanno lanciato l'uovo. Agli europei ci sarò"

 

È determinata ad andare fino in fondo a questa storia. Daisy Osakue, la campionessa italiana Under 23 di lancio del disco che questa notte ha subito un'aggressione razzista, quando esce dall'ospedale Oftalmico di Torino è ferita, in volto e nel profondo, ma non ha paura. 

La cronaca dei fatti è ormai tristemente nota: questa notte da un'automobile in corsa qualcuno le ha lanciato in faccia un uovo causandole danno all'occhio sinistro. Lei assicura che però questo non la fermerà e non le impedirà di partecipare ai campionati europei di atletica che sono in programma per giovedì 9 agosto. 

L'atleta studia negli Stati Uniti ed è tornata in Italia dopo 11 mesi, dice di non riconoscere più il Paese e che quella che ha trovato non è la sua Torino. Un attacco, quello che ha subito, che secondo lei è frutto del clima di odio che si è diffuso nel Paese. 

Intervista a Daisy Osakue

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento