Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

È agli arresti domiciliari, ma continua a coltivare marijuana in casa: sequestrate 86 piantine

Aveva modificato una cucina giocattolo per conservare la droga

 

Nonostante fosse agli arresti domiciliari, i poliziotti hanno trovato a casa sua un vero e proprio laboratorio per la produzione, lavorazione e per il confezionamento di sostanze stupefacenti. 

A finire nei guai un uomo di 51 anni, italiano, già agli arresti domiciliari per reati inerenti le sostanze stupefacenti. L'uomo avrebbe addirittura adattato una cucina giocattolo per bambini foderandola con materiale termo riflettente, lampade e neon per conservare la marijuana. 

Nonostante avesse nascosto molto bene marijuana e piantine alla vista dei poliziotti che regolarmente si recavano presso il suo domicilio, mercoledì scorso 5 agosto è stato tradito dal forte odore. Così, i poliziotti del Commissariato Centro hanno perquisito l’alloggio, trasformato in un vero e proprio laboratorio per la produzione, la lavorazione ed il confezionamento di sostanza stupefacente. 

I panetti di marijuana, 86 per un peso complessivo di 623 grammi, erano nascosti per lo più all’interno di un mobiletto giocattolo. Inoltre sono state trovate 2 serre in legno costruite artigianalmente, dotate di sistema di areazione forzata sia in entrata sia in uscita che custodivano 14 vasi di marijuana. L’uomo è stato portato in carcere, le piantine e i panetti sottoposti a sequestro.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento