Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Truffe con il metodo della finta postina, la banda finisce in galera

 

Sette persone anziane truffate in meno di tre mesi, dal 21 settembre al 4 dicembre 2017, tra Nichelino, Torino e Pianezza. E' l'accusa che i carabinieri muovono a tre sinti residenti a Carignano, due uomini di 24 e 56 anni e una donna di 49 anni, tutti imparentati tra loro, che sono stati arrestati oggi, venerdì 30 marzo 2018. 

Le operazioni sono state condotte, sotto il coordinamento del pm Onelio Dodero, dai militari della compagnia di Moncalieri, che hanno accertato che il modus operandi era sempre lo stesso. Un gruppo si appostava fuori da banche o uffici postali e osservavano i prelievi (spesso consistenti) della vittima. Quando questa si dirigeva verso casa, veniva pedinata con un mezzo con targa contraffatta. Una volta a destinazione, veniva avvicinata dalla 49enne, con le sembianze di una postina, che la distraeva e le sfilava il denaro appena prelevato, il portafogli oppure la borsa. In fase di avvicinamento, il gruppo era solito staccare i telefonini e comunicare tramite delle mini-radio. Tra le vittime c'erano spesso persone con disabilità.

Durante le perquisizioni domiciliari, i carabinieri hanno trovato il libro mastro dei truffatori. Uno schedario con indirizzi, nomi, abitudini e handicap delle persone anziane colpite o da colpire.

Altre tre persone sono state sottoposte a perquisizione. Qui i carabinieri hanno trovato parrucche, walkie-talkie, una maschera di Anonymous e una pistola.

"Abbiamo aperto un filone di indagine molto significativo - ha detto il colonnello Emanuele De Santis, comandante provinciale dei carabinieri - perché con questa tipologia di reato è molto difficile avviare un'attività investigativa. Il mondo degli anziani è vasto e diventa difficilissimo il sospetto sulla persona che ti avvicina. Ma questa è un'organizzazione che c'è e che fa numeri significativi".

Il filmato si riferisce a una rapina ai danni di un'anziana su una stampella avvenuto a novembre in via Guala. Il bottino era stato di mille euro.

Potrebbe Interessarti

  • Coppia fa sesso davanti all'ospedale Oftalmico, in pieno centro città: video

  • Cuoco uccide il giardiniere a coltellate: gli istanti dopo l'omicidio

  • Risse, strattoni e urla in mezzo alla strada: i tossici mettono in subbuglio il lungo fiume

  • La ladra che non ti aspetti al varco dell'aeroporto: imprenditrice ruba orologio e braccialetto

Torna su
TorinoToday è in caricamento