Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Incassavano i soldi della vendita delle automobili, ma non le consegnavano: 12 arresti e sequestri per un milione di euro

Avevano una rete di prestanome

 

Maxi operazione di carabinieri e guardia di finanza sin dalle prime ore del mattino di oggi, mercoledì 17 marzo 2021. A finire in manette 12 cittadini di origine sinti; effettuati sequestri per un totale di un milione di euro. Il gruppo, infatti, viveva nel lusso più sfrenato. Tra i beni sequestrati c'è anche un portone di casa con il logo Rolex.

Ad agire i carabinieri della tenenza di Nichelino e i finanzieri del gruppo di Orbassano. Gli arresti sono stati effettuati in Piemonte e in altre località del nord Italia. 

I dodici, secondo gli inquirenti, avrebbero costituito un gruppo criminale con lo scopo di effettuare truffe nell'ambito della vendita di automobili. L'accusa che viene loro rivolta è quella di associazione per delinquere finalizzata alla truffa e al riciclaggio. 

La banda operava in due modi differenti: in alcuni casi, avvalendosi di imprese operanti nel commercio di autovetture, pubblicava su internet avvisi di vendita di automobili di grossa cilindrata, a trattativa conclusa però gli uomini incassavano il denaro, ma non consegnavano la vettura; in altri casi invece modificavano la vettura riducendo il chilometraggio e coprendo i difetti del mezzo, così facendo potevano richiedere una cifra maggiore al compratore rispetto al valore reale dell'automobile venduta. 

Inoltre i militari avrebbero accertato che la banda si avvaleva di una rete di prestanome. Il loro obiettivo in questo caso era quello di nascondere il denaro guadagnano in modo illecito e non permettere agli inquirenti di risalire a loro. 

È stato accertato che 20 società, susseguitesi nel tempo attraverso artate operazioni di apertura e chiusura, riconducibili alle stesse persone fisiche, avevano venduto, in saloni espositivi o su siti online specializzati, auto, anche di lusso, recanti un chilometraggio inferiore rispetto a quello effettivo. Grazie all’incrocio dei chilometri segnalati al momento delle operazioni di revisione periodica e quelli effettivamente indicati sui cronotachigrafi delle autovetture, nonché dalle informazioni acquisite dalle persone offese dal reato, è stato quindi possibile accertare la truffa, riscontrando delle differenze significative che, in alcuni casi, sono risultate anche di oltre 170mila chilometri.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento