Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dentro la terapia intensiva dell'Ospedale Martini di Torino: qui si combatte in prima linea il coronavirus | VIDEO

Dentro l'ospedale che ha 233 posti letto per malati covid

 

All'interno della terapia intensiva dell'Ospedale Martini di Torino domina il silenzio. Tra quei corridoi dove medici e infermieri si muovono da una stanza all'altra, da un piano all'altro, sembrano non arrivare le polemiche che invadono le vie delle nostre città. Lì dentro non ci sono negazionisti, non si pensa ai ritardi nel reclutamento di personale o nell'individuazione di strutture che possano supportare gli ospedali, e la vera emergenza è solamente quella sanitaria. 

L'Ospedale Martini da pochi giorni è diventato un presidio esclusivamente covid. In totale ci sono 233 posti letto, di cui 14 dedicati alla pediatria covid e 16 alla psichiatria covid. Lì ogni giorno arrivano pazienti positivi al covid che vengono smistati da altre strutture ospedaliere torinesi. 

"Abbiamo chiuso il pronto soccorso e accettiamo pazienti dagli altri ospedali che sostengono il grosso peso dell'impatto con la popolazione. Prendiamo pazienti covid per aiutare gli altri ospedali alla gestione di tutto ciò che è assistenza non covid", spiega Michele Morandi direttore sanitario dell'Ospedale Martini, "Il nostro problema qui al Martini è la possibilità di dimettere il prima possibile i pazienti che abbiamo ricoverati. Il reggere all'impatto dell'alto numero di pazienti ha soprattutto a che fare con gli ospedali che hanno il Pronto Soccorso attivo che in questo momento sono in grande difficoltà". 

"Questa seconda ondata ha avuto un impatto decisamente superiore alla prima ondata rispetto al numero di ricoveri a bassa e media intensità. Sono decisamente superiori. Quel tipo di ricovero sta mettendo in grossa difficoltà il sistema", continua Michele Morandi direttore sanitario dell'Ospedale Martini. 

Una boccata di ossigeno arriverà dal 20 di novembre quando verrà attivato il presidio ospedaliero dentro il padiglione V di Torino Esposizioni al Parco del Valentino. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento