Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I giostrai invadono la tangenziale di Torino: disagi al traffico e rallentamenti in direzione nord e sud | Video

Il corteo è partito dalla Pellerina e da La Loggia

 

Due cortei composti da camion di lavoratori dei Luna Park e dei Circhi hanno invaso la tangenziale di Torino questa mattina, venerdì 30 aprile. I manifestanti non hanno bloccato il traffico, ma hanno rallentato la marcia occupando tutte le corsie delle tangenziale nord e sud tranne quella di sorpasso e quella di emergenza. I lavoratori si sono radunati al parco della Pellerina e a La Loggia. 

Si tratta dell'ennesima protesta dei lavoratori del settore che da quattordici mesi non possono lavorare a causa delle chisure delle loro attività. I due cortei sono partiti uno da corso Regina in direzione sud, mentre il secondo è entrato in tangenziale da Debouché in direzione nord. I due cortei si dovrebbero protrarre fino al primo pomeriggio. 

I manifestanti chiedono di poter riaprire e ai due cortei hanno partecipato lavoratori di tutta la regione. Da La Loggia, secondo punto di ritrovo dei manifestanti sono partiti i lavoratori di Cuneo, Alba e Saluzzo. "Noi non saremmo voluti arrivare a questo punto. Capiamo che è un momento difficile, però allo stesso tempo non è giusto che a noi adesso non venga data la possibilità di lavorare. Abbiamo le stesse problematiche di un mercato e siamo meno pericolosi di un centro commerciale", racconta Fabio Papini, uno dei giostrai in corteo. 

"Qualcuno di noi è andato a raccogliere la frutta nei campi. Imprenditori che per dare da mangiare alle famiglie si sono messi a lavorare nei campi. Vogliamo capire perché non ci fanno aprire. Noi vogliamo solo lavorare", conclude Papini. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento