Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Adesso pretendiamo giustizia. Bene l'impegno del ministro", le parole del superstite Thyssenkrupp

 

Antonio Boccuzzi quella maledetta notte tra il 5 e il 6 dicembre del 2007 c'era. Lui era dentro lo stabilimento Thyssenkrupp di corso Regina Margherita ed è stato l'unico a uscirne vivo. Da quel giorno il suo impegno per rendere i luoghi di lavoro più sicuri è stato tanto, anche all'interno del Parlamento italiano come deputato del Partito Democratico. 

A distanza di 11 anni da quella tragedia, oggi giovedì 6 novembre 2018, ha discusso parecchio con il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Lo ha fatto a margine della cerimonia commemorativa in ricordo delle sette vittime di quel rogo: Antonio Schiavone, Roberto Scola, Angelo Laurino, Bruno Santino, Rocco Marzo, Rosario Rodinò e Giuseppe Demasi. 

"L'impegno che ha assunto il ministro della Giustizia è importante" - ha detto Boccuzzi - "È fondamentale che abbia ribadito che la giustizia deve essere compiuta e non data, e noi siamo qui a pretenderla. A due anni e mezzo di distanza da una sentenza definitiva, io sono convinto che questa pagina debba essere voltata". Il riferimento è ovviamente alla richiesta di giustizia che è stata avanzata nei confronti di quei manager che sono stati condannati definitivamente, ma in Germania non stanno scontando la pena

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento