Venerdì, 18 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Emergenza spaccio, i residenti non ne possono più e chiamano Striscia. Ma anche diversi arresti

Esasperati dalla situazione sempre più insostenibile, hanno deciso di chiamare Striscia la Notizia e prontamente di è presentato Vittorio Brumotti. Stiamo parlando dei torinesi che abitano vicino al Parco Dora o a corso Principe Oddone. Il biker e conduttore televisivo ha testimoniato il degrado della zona. 

Esasperati i residenti lo hanno chiamato per segnalare la presenza elevatissima in quei territori di spacciatori e tossicodipendenti che si drogano vicino alle abitazioni. A pochi metri dai parchi dove quotidianamenti i bambini vengono portati a giocare. Brumotti, in sella alla sua bicicletta, si è messo all'inseguimento, giorno e notte, degli spacciatori. 

Una situazione insostenibile nonostante il lavoro dei carabinieri della compagnia oltre Dora che allo stesso modo di Brumotti, travestiti da ciclisti, hanno portato avanti dall'inizio dell'anno una serie di operazioni contro lo spaccio attraverso le quali sono riusciti a incastrare i pusher di corso Principe Oddone. 

Da gennaio ne sono stati arrestati 22, tutti senegalesi, tutti con l'accusa di spaccio e di detenzione di sostenze stupefacenti.  L'ultimo  arresto è stato effettuato ieri pomeriggio in un servizio preventivo nel quartiere Aurora e Barriera di Milano.

Nella sola giornata di ieri sono finite in manette sei persone per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. A una di queste, oltre alla droga, sono stati trovati addosso circa 900 euro in contanti. 

Si parla di

Video popolari

Emergenza spaccio, i residenti non ne possono più e chiamano Striscia. Ma anche diversi arresti

TorinoToday è in caricamento