rotate-mobile
Venerdì, 7 Ottobre 2022

I No Vax irrompono sulle elezioni di Torino. Lo Russo: "Damilano faccia chiarezza sulla sua posizione"

Poi l'appello ai moderati del centrodestra

"Damilano venga fuori allo scoperto ed esca dal nascondiglio in cui si è infilato da tanto tempo". A dirlo è Stefano Lo Russo, il candidato sindaco del centrosinistra per Torino, e lo durante l'intervento con il quale questa mattina - venerdì 30 luglio - ha dato il benvenuto in coalizione a Italia Viva, il partito di Matteo Renzi. 

Lo Russo è pungente nel suo intervento e dedica ampio spazio a Paolo Damilano. Prima avanzando per l'ennesima volta un dibattito pubblico tra i due; poi girando il coltello nella piaga di quella che individua come una vera e propria ambiguità sul tema dei 'no vax'. 

"Prendo atto che Paolo Damilano in coalizione ha due forze politiche che sfilano con i 'no vax' che sono Lega e Fratelli d'Italia", dice Lo Russo, "Questi occupano il Parlamento con i cartelli e credo che non sia il momento di questo tipo di ambiguità. Penso che sia giusto che chi si candida ad amministrare una città dica con chiarezza che cosa pensa di questo argomento". 

Tema che il candidato del centrosinistra affronta senza esitazione: "Io sono assolutamente sostenitore della linea del Governo Draghi", continua, "È corretta la libertà sulla scelta vaccinale, ma lo è anche che chi è vaccinato possa tornare rapidamente alla propria vita normale. Quindi nella libertà dei cittadini di non vaccinarsi, non credo che sia corretto che questi cittadini impediscano a tutti gli altri di poter tornare quanto prima alla normalità". 

E da qui parte l'avance nei confronti di quegli elettori, ma anche partiti, del centrodestra che si potrebbero trovare in imbarazzo "stare in coalizione con chi sfila con i 'novax'": "Il nostro è un progetto che vuole porsi nell'ottica di apertura rispetto a tutti quelli che non vogliono finire in una deriva sovranista, 'no vax' e perdente sul piano storico". 

Quindi la stoccata finale nei confronti del suo avversario: "Trovo surreale e stucchevole che un candidato a sindaco della città scappi da tutti i confronti con i suoi competitor, che non dica pubblicamente e in una maniera dialogica che cosa ha in mente di fare per risolvere i problemi di Torino", conclude Lo Russo, "Credo che sia doveroso continuare a chiedere al candidato della destra di venire allo scoperto e di uscire dal nascondiglio in cui si è andato a infilare da tanto tempo". 

Video popolari

I No Vax irrompono sulle elezioni di Torino. Lo Russo: "Damilano faccia chiarezza sulla sua posizione"

TorinoToday è in caricamento