Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da Torino a Tenerife per poter lavorare, il videomessaggio della regista: "Un sogno avere il pubblico in sala"

In Spagna i teatri sono aperti

È dovuta andare fino a Tenerife, in Spagna, per poter lavorare e riassaporare dopo un anno il gusto del teatro. È Stefania Panighini, regista torinese, che in questi giorni è impegnata nella messa in scena dell'opera Rinaldo di George Frederick Händel. Una produzione dal sapore particolare per la regista perché è la prima che tornerà a fare con il pubblico in sala. 

"Sono una regista torinese e sono a Tenerife per la messa in scena dell'opera Rinaldo di George Frederick Händel. Tra due ore ci sarà la prova generale e la particolarità è che questa prova avrà luogo con il pubblico", racconta in un videomessaggio. 

"A differenza di molti Paesi europei la Spagna a partire da settembre non ha mai chiuso i teatri, li ha ritenuti luoghi non meno sicuri di altri e quindi con tutte le restrizioni anticovid del caso il pubblico potrà venire in teatro. La capienza da 1.500 posti è stata ridotta a 470 però si può condividere cultura". Il pubblico in sala sarà distanziato, indosserà la mascherina e prima di accedere in teatro dovrà sottoporsi alla misurazione della temperatura.  

A seguire le prove generali dell'opera ci saranno alcuni ragazzi delle scuole e sabato 24 aprile e domenica 25 aprile ci sarà la messa in scena dell'opera per le famiglie. "Andare in scena con il pubblico sembra quasi un sogno e speriamo che presto anche in Italia si possa tornare a questa meravigliosa emozione che è il teatro"

Si parla di

Video popolari

Da Torino a Tenerife per poter lavorare, il videomessaggio della regista: "Un sogno avere il pubblico in sala"

TorinoToday è in caricamento