Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra abusivismo e partitelle nei parchi il mondo dello sport è in ginocchio: "Fateci ripartire responsabilmente"

Ricca: "Nei parchi giocano perché il sindaco non controlla"

 

"Perché al parco si può giocare a calcio o a pallavolo e noi non possiamo riaprire i nostri impianti?", a domandarselo sono i tanti attori del mondo dello sport piemontese che questo pomeriggio, lunedì 6 luglio, si sono presentati davanti alla sede della Regione Piemonte per protestare.

A rispondere loro è stato un lapidario Fabrizio Ricca, assessore regionale allo sport: "Il sindaco evidentemente non controlla perché non si può giocare a calcio nemmeno al parco". Una risposta che però non può cancellare l'amaro di bocca che hanno questi cittadini: "Per noi è difficile accettare che nei parchi pubblici ci sia la libertà assoluta e i centri sportivi siano chiusi. È arrivato il momento di ripartire", spiega Gianluca Carcangiu dello CSEN Piemonte. 

A fare eco è Patrizia Alfano della UISP che spiega: "Noi abbiamo chiesto di aprire responsabilmente. Ormai è tutto aperto, non si ha neppure più la percezione della pandemia uscendo per strada. Molti affittano abusivamente i campi sportivi. È pieno di gente che si trova e fa queste attività perché non c'è un controllo e questo mette a rischio la salute dei cittadini". 

Da qui la richiesta alla Regione di assumersi la responsabilità di sbloccare l'apertura dei centri sportivi andando oltre le disposizioni del Governo: "Se c'è un problema di contagi lo si dica e si regolino altre attività, non solo la nostra. Perché le sale da ballo hanno aperto", conclude Patrizia Alfano. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento