Ritrovata parte della refurtiva rubata allo Spazio 211 di Torino: i ladri l'avevano nascosta in una fabbrica abbandonata

I gestori: "Ma è tutto inutilizzabile"

Ritrovata dagli agenti della polizia di Stato parte della refurtiva che era stata rubata allo Spazio 211 di via Cigna a Torino nelle notti tra il 28 e il 30 dicembre 2020. Dal circolo musicale di Barriera di Milano erano state portate via chitarre, una intera batteria, delle casse acustiche, un mixer, alcuni impianti, amplificatori, microfoni per un valore totale di circa 30mila euro. 

A realizzare il furto quattro persone. Due di queste sono sate identificate grazie alle immagini delle telecamere di videosorveglianza. Si tratta di due cittadini di origine maghrebina, già conosciuti dalle forze dell'ordine che in altre occasioni li hanno arrestati per reati di natura predatoria.

Gli investigatori sono riusciti a ricostruire la modalità attraverso la quale i quattro hanno potuto commettere il furto. I ladri per raggiungere lo Spazio 211 passano attraverso il cantiere della Stazione Fossata-Rebaudengo, si introducono all’interno della ditta Carlini, successivamente scavalcano anche la recinzione della ditta Gondrand e arrivano fino al circolo musicale. 

Una volta effettuato il furto trasporteranno il bottino nella vicina fabbrica ormai in disuso Karry Flavour, dove i poliziotti dopo tre settimane troveranno parte della refurtiva. 

Allo Spazio 211 da quel giorno sono stati commessi altri furti, meno pesanti di quello avvenuto in quelle due notti. Sono state avviate anche numerose iniziative di raccolta fondi da altri locali torinesi e clienti che hanno permesso ai titolari dell'attività di riparare i danni e acquistare nuova strumentazione per riprendere il lavoro. 

"Da sopralluogo delle forze dell'ordine - precisano dallo Spazio 211 - nei capannoni industriali adiecenti all’area esterna della nostra attività sono stati rinvenuti, ad oggi, abbandonati tra i rifiuti, soltanto i seguenti materiali a noi sottratti oramai inutilizzabili: tra fusti di un set di batteria distrutti; una cassa FBT con cono mancante; una chitarra elettrica spezzata a metà".

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Ritrovata parte della refurtiva rubata allo Spazio 211 di Torino: i ladri l'avevano nascosta in una fabbrica abbandonata

TorinoToday è in caricamento