Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'affondo della vicesindaca contro la protesta di piazza Palazzo di Città, la bolla come "pretestuosa"

"Qui gli espulsi dai dormitori delle associazioni"

 

È stato un dibattito duro e aspro quello che si è tenuto in consiglio comunale (rigorosamente in videoconferenza) oggi pomeriggio, lunedì 11 maggio, sul tema degli occupanti di Piazza Palazzo di Città. Le opposizioni, che hanno chiesto alla vicesindaca Sonia Schellino, di riferire su come sia stato possibile arrivare a questa situazione sono andate all'attacco a tal punto da ricevere in cambio una reazione a dir poco stizzita dalla numero due di Palazzo Civico che ha bollato la protesta come pretestuosa. 

Parole che arrivano dopo l'appello della capogruppo del Movimento 5 Stelle in Comune, Valentina Sganga, a fare rete e a istituire un tavolo per affrontare l'emergenza. Un discorso accorato, quello della grillina, e certamente non di rottura. Parole pesanti arrivano invece dall'ex consigliera del Movimento 5 Stelle, Deborah Montalbano (DemA), che prima ha sottolineato come il Comune avrebbe dovuto trovare una soluzione abitativa per i senzatetto e poi si è detta "schifata" dal comportamente della vicesindaca. A puntare il dito contro la sindaca Chiara Appendino è stata invece Maria Grazia Grippo del Partito Democratico che ha sottolineato come la prima cittadina "avrebbe dovuto metterci la faccia". 

Replica della Schellino che non si è fatta aspettare e che è arrivata in tutta la sua potenza: "La retorica che in Piazza Palazzo di Città ci siano tutti quelli che dormivano in Piazza D'Armi, mi dispiace ma non è così", ha detto la Schellino che poi ha aggiunto che se non ci fosse stata la portesta sotto il Comune sarebbe stato più facile risolvere la questione. 

"In piazza ci sono persone che sono lì in modo pretestuoso, vecchie conoscenze e persone che hanno avuto un tot di percorsi di inclusione uscendone sbattendo la porta, persone che sono state espluse dai dormitori...", continua la vicesindaca che poi in qualche modo punta il dito contro le stesse associazioni che si sono dette in questi giorni disposte ad accogliere i senzatetto: "Quelle associazioni hanno spazi, ma posso anche dire che in piazza ci sono persone che sono state espulse dai dormitori di quelle associazioni, chiamando la polizia e facendoli portare fuori in manette". 

La Schellino poi ha toccato il punto bagni pubblici. In Piazza Palazzo di Città i bagni infatti non sono accessibili perché inagibili. La vicesindaca ha detto di aver chiesto più volte se ci fosse la possibilità di riaprirli, ma ha specificato che non è possibile. Per quanto riguarda la richiesta dei senzatetto di avere bagni più vicini ha ribadito che "ci sono i bagni chimici che sono stati messi in giro per la città all'inizio dell'emergenza. Ci sono ai Giardini Reali e transitare ai Giardini Reali non è una cosa impossibile". 

Infine l'annuncio che Unità di Crisi e Croce Rossa Italiana stanno organizzando per fare il tampone alle persone che sono in Piazza Palazzo di Città. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento