Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Torino, scoperto un sito archeologico dove c'era un parcheggio interrato: video

Due i reperti di pregio trovati in via delle Orfane

 

Scoperta in via delle Orfane a Torino una nuova area archeologica, sorge dove prima c'era un parcheggio interrato a uso dell'Informa Giovani. Aprirà al pubblico il 16 e 17 ottobre e si trova all’interno del cortile di Quadrato, edificio riqualificato dal Gruppo Building.

"È un rinvenimento superiore alle nostre aspettative, ma che non definirei totalmente inaspettato", spiega Stefania Ratto, funzionaria archeologica della soprintendenza, "Quando abbiamo saputo che era in corso di realizzazione un intervento di ristrutturazione in questo quartiere che comportava anche degli scavi per la costruzione di un'autorimessa interrata, abbiamo richiesto sin da subito il controllo archeologico agli scavi". Questo perché la zona in cui sorge questa nuova area archeologica è sita in uno dei settori di maggior pregio della Torino romana. 

È così che sono state individuate le prime scoperte e sonon entrati in gioco gli archeologi e adesso le resturatrici del Centro Conservazione Restauro “La Venaria Reale” sotto la direzione della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio. Il ritrovamento del sito archeologico, con decorazioni a mosaico raffiguranti in particolare la figura mitologica del cacciatore Atteone, è avvenuto nell’autunno del 2017 durante i lavori di riqualificazione che hanno permesso di restituire alla città una nuova pagina della storia dell’archeologia di epoca romana imperiale. 

Due i ritovamenti di particolare pregio: un mosaico con la figura di Atteone che fa parte della fase romana del sito, ma anche un pettine in corno che è un elemento di corredo personale che stava all'interno delle tombe che si sono sovrapposte alla domus dopo l'epoca romana. 

L'area archeologica sarà visitabile perché i proprietari dello stabile lasceranno aperto l'ingresso al cortile e verranno posti dei pannelli esplicativi che spiegheranno la storia del reperto. All'interno l'occasione sarà accessibile sono in occasione di visite guidate. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento