Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La solidarietà del cioccolataio all'orefice di Grinzane Cavour: "Se i rapinatori venissero da me, vivi da qui non escono"

Parla il coordinatore nazionale Horeca per autonomi e partite iva

 

Silvio Bessone, noto cioccolataio del cuneese (ha la sua attività a Santuario di Vicoforte) e coordinatore nazionale del comparto Horeca per autonomi e partite iva, non ci ha pensato un attimo e a poche ore dalla tragedia di Grinzane Cavour ha voluto solidarizzare con Mario Roggero, orefice che al culmine di una rapina ha sparato contro i tre rapinatori uccidendone due. 

Per farlo si è affidato a Facebook dove ha pubblicato un lungo video nel quale si dice dalla parte dell'orefice: "Sono assolutamente solidale con la famiglia Roggero. Orefice che ha subito l'ennesima rapina, che non ce l'ha fatta a sopportare e che ha dovuto reagire a questa situazione, e ha lasciato due vittime sulla strada", esordisce Bessone. 

"Sono convinto che avrà delle grane perché questo Paese ha dimostrato di essere estremamente severo e crudele nei confronti delle persone per bene e molto generoso e lassista nei confronti dei delinquenti. Io voglio esprimere il mio disappunto nei confronti di questa politica che tutela le persone cattive, a discapito di chi lavora", continua Bessone. 

Il video del commerciante in poche ore ha ricevuto quasi 600 reazioni positive e oltre 150 commenti. Bessone inoltre si è detto pronto a difendersi nel caso dovesse essere oggetto di rapine: "Io all'interno della mia azienda ho alcuni punti dove potrei difendermi in caso di aggressione. Però vorrei dirlo chiaramente che se venissero da me a fare una rapina, vivi da qua non escono. So quanto potrebbe essere difficile affrontare la difesa e dimostrare che è legittima difesa". 

Infine l'invito: "Invito tutti quelli che vengono offesi a difendersi perché difendere la propria dignità, famiglia e posto di lavoro è un diritto che nessuno può cancellarci". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento