Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nuove case dove Primo Levi ha lavorato per 28 anni: l'emozione di Carmela che entra nell'alloggio | Video

Così Settimo Torinese affronta l'emergenza abitativa. Timore per quando non ci sarà più il blocco degli sfratti

 

Alla signora Carmela questa mattina, venerdì 11 dicembre, sono state consegnate le chiavi del suo nuovo appartamento. La sua famiglia è una delle dieci alle quali il Comune di Settimo Torinese ha assegnato un alloggio dell'area dell'Ex Siva. Appartamenti frutto di un intervento edilizio senza consumo di suolo pubblico che ha consentito di rigenerare e riqualificare l'ex area industriale e allo stesso tempo salvare la palazzina uffici dove ha lavorato per 28 anni Primo Levi.

"Avevo fatto domanda per l'alloggio quando è nato il nostro terzo figlio, sette anni fa. Per noi questo alloggio è molto importante. Avere una casa nuova fa tanto. Io sono casalinga e lavora solo mio marito. Ci sono state tante difficoltà, per me è stato un anno duro, ma ci sono persone per le quali è stato ancora più duro. Noi siamo fortunati", racconta la signora Carmela mentre si aggira tra le stanze vuote della sua nuova casa. 

"Abbiamo proceduto ad assegnare 8 alloggi da graduatoria e 2 invece li abbiamo riservati all'emergenza abitativa perché il periodo legato al covid ha reso ancora più complicata una situazione che nella nostra città è già molto impattante che è quella dell'emergenza abitativa", spiega Elena Piastra, sindaca di Settimo Torinese, "C'è il rischio per le persone di trovarsi in emergenza senza aver chiesto di essere inseriti nella graduatoria per la case popolari". 

Un problema dovuto anche al mutamento drastico delle condizioni economiche di alcune famiglie? "Sì, per adesso c'è il blocco degli sfratti, ma ci aspettiamo nel corso del 2021 delle conseguenze legate al covid-19 ben maggiori", conclude Elena Piastra, sindaca di Settimo Torinese.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento