Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Contro lo spreco di soldi, consigliere getta banconote false in aula: video

La protesta in consiglio regionale contro i politici di Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia

 

Ha lanciato una manciata di banconote false contro i consiglieri regionali di maggioranza e lo ha fatto per denunciare lo spreco di soldi pubblici da parte della Giunta regionale. La protesta è stata messa in scena questa mattina - martedì 11 febbraio - da Sean Sacco, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle e si riferisce all'approvazione del disegno di legge 62, “Norme relative al finanziamento della Città della Salute e della Scienza di Novara”. 

Prima Sacco ha esposto una valigetta con 500 mila euro falsi e poi ha lanciato il suo contenuto contro i colleghi di Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia. "Ne servirebbero 400 di quelle valigette, piene di soldi, per quantificare lo spreco di soldi dei cittadini piemontesi, che supera i 200 milioni, a causa del Partenariato Pubblico Privato della Città della Salute di Novara", ha spiegato il consigliere regionale. 

“Abbiamo dimostrato, dati e numeri alla mano, che i cittadini piemontesi con il Partenariato Pubblico Privato spenderanno 200 milioni di euro in più rispetto alla proposta che prevede il ricorso ai fondi INAIL. Non si comprende per quale motivo la Regione voglia ricorrere a fondi INAIL per gli ospedali di VCO e ASL To5 ma non per quanto riguarda Novara. E’ ormai chiaro a tutti che il ricorso al Partenariato Pubblico Privato non convenga in alcun modo alle casse regionali e i vantaggi siano tutti per il privato. Se la nuova Città della Salute di Novara è in ritardo non è certo a causa di chi si preoccupa di come vengono spesi i soldi dei cittadini. Ma di una vecchia politica, di destra e sinistra, che dal 2009 (anno del progetto) non è riuscita a combinare nulla di buono”, ha continuato Sean Sacco. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento